Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Sydney” di Paul Thomas Anderson

1996: Hard Eight di Paul Thomas Anderson 

Primo lungometraggio del celebrato regista e sceneggiatore, produzione indipendente a basso budget, Sydney ebbe un enorme (e meritato) successo al Sundance e a Cannes.

Continua a leggere

Annunci

aprile 15, 2011 Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

“La famiglia Savage”

2007: The Savages di Tamara Jenkins

Raramente l’entusiasmo della critica è stato così giustificato.

Continua a leggere

aprile 11, 2009 Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

“La 25a ora”

2002: 25th hour di Spike Lee

Meritatissimo straordinario successo al 53mo Festival di Berlino (ma la Giuria lo ha incredibilmente ignorato!) per questo importante e intenso lavoro (duro e poetico al contempo) tratto da un romanzo di David Berioff scritto prima dell‘11 Settembre (mentre il film parla della tragedia).

1sorriso1

Continua a leggere

aprile 10, 2009 Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

“Onora il padre e la madre”

1sorriso1

2007: Before the Devil Knows You’re Dead di Sidney Lumet

Senz’altro uno dei migliori lavori della stagione 2007/2008 questo film che ha giustamente entusiasmato i critici al primo Romafilmfest.
Sidney Lumet, premiato nel 2005 con l’Oscar alla carriera, non finisce di stupirci: autore di capolavori come La parola ai giurati Quel pomeriggio di un giorno di cani L’uomo del banco dei pegni, all’età di 84 anni ci regala un altro piccolo gioiello, coraggioso cinico spietato tagliente.
Molti critici hanno sottolineato come il film sia difficilmente classificabile: non un semplice giallo e neanche un semplice noir; definiirlo “dramma” è decisamente troppo vago e generico. Solo una definizione sembra calzare al film, ed è “tragedia”: una tragedia che vede come protagonisti angoscia, colpa e peccato… una tragedia senza speranza né perdono.

Il continuo zigzare nel tempo, il ritorno sugli stessi eventi da differenti angolazioni (l’andatura acronologica e i piani temporali differenti rendono l’opera oltremodo interessante e inconsueta) non è un semplice espediente tecnico: è il modo migliore per mostrare la discesa all’inferno di una famiglia disintegrata, di individui mediocri meschini e immorali… Deboli immaturi piccoli borghesi senza valori né dignità, vittime di un ineludibile destino (di cui solo loro sono responsabili) che li trascinerà all’odio più spietato e alla ferocia più determinata: evidente metafora di un’America dannata e disperata, frustrata e violenta.

Un film che provoca in noi spettatori disagio e malessere, cattura la nostra attenzione in ogni mirabile inquadratura: lucido, duro, asciutto, agghiacciante, a volte gelido… coinvolge come raramente accade.
Da applauso incondizionato la prestazione degli attori: non è consueto vedere quattro protagonisti dare il meglio di sé in una vera e propria gara. Philip Seymour Hoffman dà un’ulteriore dimostrazione di essere un mostro di bravura, forse l’interprete più completo apparso negli ultimi anni, Ethan Hawke dà prova di una imprevedibile maturità, Albert Finney è impressionante nell’esprimere sofferenza e determinazione, Marisa Tomei ha finalmente l’occasione di rivelare le sue non poche qualità.

Musica fotografia montaggio… tutto al meglio e concorrono a fare di Onora il padre e la madre (meritoriamente premiato con il Nastro d’Argento 2008) un’opera difficilmente dimenticabile.

ps
Banale il titolo italiano, preferibile l’originale

Pubblicato su Cineocchio


Regia: Sidney Lumet
Sceneggiatura: Kelly Masterson
Cast: Philip Seymour Hoffman, Ethan Hawke, Albert Finney, Marisa Tomei, Aleksa Palladino, Michael Shannon, Amy Ryan, Sarah Livingston, Rosemary Harris
Paese: USA (2007). Uscita Italia: 14 Marzo 2008. Uscita USA: 12 Ottobre 2007
Trama:
Due fratelli organizzano una rapina nella gioielleria dei genitori, ma tutto andrà terribilmente male, mettendo in moto una serie di eventi che complicherà incredibilmente le loro vite.

febbraio 26, 2009 Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , | 8 commenti