Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“John Q.”

2001: John Q. di Nick Cassavetes

 uscita usa: 15 febbraio 2002      uscita italia: 10 maggio 2002

 

Un film che giustamente non ha entusiasmato la critica.

“Per denunciare una realtà così grave Nick Cassavetes usa metodi strappalacrime e ricorre a colpi di scena assurdi, che escludono la possibilità di considerare il suo un film politicamente impegnato” (la Repubblica), Film corretto, decolla ma non si alza molto” (MyMovies), “…spruzza qua e là colpi emotivi e conclude con un finale di grande soddisfazione. Per tutti. Impossibile non restarne coinvolti. Con indulgente simpatia” (il Morandini), “..la sceneggiatura di James Kearns è un incrocio fra E.R. e Quel pomeriggio di un giorno da cani. E la regia di Nick Cassavetes la illustra senza troppi guizzi e quel che è peggio senza crederci fino in fondo” (Il Messaggero), “Uno chiude gli occhi, conta fino a tre e si immagina cosa accadrà nella sequenza successiva…” (Film.tv.it), “Nonostante l’accumulo drammatico, il lavoro non è molto riuscito” (La Stampa).

All’inizio il film sembra promettere molto. Hollywood finalmente s’interessa della classe operaia e dei suoi problemi. Coraggiosa la polemica contro un sistema sanitario aberrante che rifiuta le cure a chi non può pagare (coraggioso perché metà dell’America è persuasa che così sia giusto… ne sa qualcosa l’attuale Presidente degli Stati Uniti). Presto però John Q. prende un’altra direzione. Si attua un mix di thriller-actionmovie-melodramma, si scivola nello stereotipato e nel retorico con situazioni e personaggi visti mille volte.

Un bambino ha bisogno urgente di un cuore nuovo, ma i medici che lo hanno in cura non possono metterlo in lista per il trapianto perchè la famiglia è sprovvista di un’assicurazione… Sicuramente una storia d’effetto ma l’impressione è che tutto sia stato studiato a tavolino per commuoverci e coinvolgerci (il che puntualmente avviene… Hollywood è una maga in questo): il risultato è che partecipiamo al dramma dei protagonisti ma proviamo -più di una volta- un senso di fastidio e di irritazione per la sensazione di essere trascinati a viva forza verso la meta prefigurata da regia e sceneggiatura: indignazione e lacrima facile.

Certo, il film è trascinante e Denzel Washington è di una bravura eccezionale, il cast è da encomio (un plauso particolare a Robert Duvall, misurato ed equilibrato come non mai in un personaggio di grande umanità), la tensione non manca, il ritmo è sostenuto…

Ma da un regista che porta un cognome così illustre ci si aspetterebbe di più… almeno uno stile più sobrio e asciutto.

p.s.

Particolarmente interessante quanto scrive Giorgio Simbula e che evidenzia una delle differenze sostanziali tra il nostro cinema e quello americano: “Il suo fondamentale ottimismo, la convinzione che l’uomo sia artefice del proprio destino, la consacrazione dell’eroe nonostante l’errore e la sconfitta, hanno permesso a questo filone «arrabbiato» di perpetuarsi, laddove il nostro cinema popolare, anche quando i suoi autori ancora osavano «scomodare i santi» ha sempre negato ai suoi personaggi (e al suo pubblico) la possibilità non solo di vincere, ma neppure di affrontare il potere. Un John Q diretto da un Risi (padre o figlio), o da un Lizzani, probabilmente si sarebbe concluso dove questo comincia: con la constatazione che la vita del figlio di un operaio nero vale meno di quella di un vecchio miliardario bianco”.

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Annunci

agosto 27, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , ,

5 commenti »

  1. Certo porta al pianto facile ma è una bella denuncia

    Commento di defalco | agosto 29, 2011

  2. Non l’ho trovato né banale né melenso come sostenuto da alcuni critici. Un film ottimamente realizzato

    Commento di giugaro | agosto 29, 2011

  3. Un cast strepitoso al servizio di un’opportuna condanna a certo sistema americano

    Commento di marion | agosto 29, 2011

  4. Tensione assicurata per l’intera durata con attori sopraffini

    Commento di claretta | settembre 5, 2011

  5. Una storia strappalacrime ma fatta talmente bene che tutto le si perdona

    Commento di nanni | ottobre 14, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: