Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Don’t say a word”

2001: Don’t Say a Word  di Gary Fleder

 uscita usa: 28 settembre 2001      uscita italia: 12 aprile 2002   

 

Chi ama il genere non resterà certamente deluso.

Tratto dall’omonimo romanzo di Andrew Klavan (dal suo Fino a prova contraria Clint Eastwood ricavò un film nel 1999), senz’altro un buon thriller dalle giuste atmosfere e dal ritmo serrato che sa ben dosare i momenti frenetici e quelli più riflessivi. Privo di pause o digressioni, un lavoro che attanaglia l’attenzione dello spettatore, lo coinvolge e spesso lo emoziona. Da plauso l’interpretazione di tutti gli attori. Splendida la fotografia.

Non tutto è rose e fiori però…

La sceneggiatura appare a volte forzata. Il credibile e plausibile a volte latitano. Alcuni risvolti psicologici andavano maggiormente approfonditi. Ma il problema è un altro. Contrario alla nostra mentalità (…almeno si spera) il principio che sembra imperare in gran parte dei gialli statunitensi: i «cattivi» non vengono mai consegnati alla legge ma giustiziati dai «buoni»… Lo spirito del Far West trionfa ancora negli States. Loro a quanto pare gradiscono, noi ne proviamo fastidio se non disgusto.

Accoglienze contrastanti da parte della critica:

“G. Fleder sa maneggiare il montaggio alternativo, ma non basta. Hitchcock non ha lasciato allievi” (il Morandini), “Un bel thriller, ben congegnato e ben realizzato” (FilmUp), “…ormai questi psicho-thriller tutti colpi bassi e suspense ricattatoria sembrano fatti a macchina” (Il Messaggero), “Il thriller non presenta nulla di particolare, ma è abbastanza ben fatto” (La Stampa), Don’t Say a Word  è una macchina narrativa efficiente quanto superficiale: dove tutto ha la sua prevedibile funzione…” (la Repubblica), “Thriller edipico con finale da serie televisiva, con troppi sottotesti raffazzonati e passaggi frettolosi” (Film.tv.it).

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Annunci

agosto 19, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , ,

5 commenti »

  1. “15 minuti”, “Don’t say…” e tanti altri: terribile questa concezione americana del fai giustizia da te

    Commento di ianna | agosto 21, 2011

  2. Scade un po’ nel finale ma nel complesso è un thriller godibilissimo

    Commento di ralph | agosto 21, 2011

  3. D’accordo con Ianna ma come thriller questo funziona

    Commento di debbie | agosto 25, 2011

  4. Douglas non mi è stato mai molto simpatico ma ammetto che qui è perfetto

    Commento di duccio | agosto 26, 2011

  5. Troppi risvolti campati in aria ma la tensione c’è

    Commento di niger | ottobre 3, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: