Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Il Mostro”

1977: Il Mostro di Luigi Zampa

Sicuramente nato sull’onda del successo del genere ‘poliziottesco’ che trionfò sui nostri schermi negli anni 70.

Ma il film ha ambizioni più alte, basti guardare il nome del regista: Luigi Zampa, uno dei più acuti osservatori della realtà italiana (L’onorevole Angelini, Processo alla città, Anni difficili, Il medico della Mutua…).

Una riflessione sulle origini della violenza.

“Mi domando se in Zampa vi fosse, anche inconsapevole, il dubbio che le violenze degli anni ’70, fossero, in parte, anche colpa dei padri (o delle generazioni precedenti), incapaci di risolvere i conflitti latenti nella società italiana, sia a livello sociale, che politico ed economico” leggiamo su Debaser. E il Morandini scrive: “Il film è un apologo sulla violenza. Il mostro, dice Zampa, non è questo o quel personaggio: è la violenza nella società, nei mezzi di comunicazione di massa, nella famiglia”.

Alla sua uscita Il Mostro non fu apprezzato dalla critica (“…il tema è affrontato con superficialità”, Paolo Mereghetti), oggi è ampiamente rivalutato (“film cupo, cinico e assolutamente spietato nel ritrarre la figura di un giornalista disposto a tutto pur di tornare nel grande giro ma capace solo di mantenersi a galla in un mondo ben più corrotto e indecifrabile di quello che riesce a descrivere con la sua pericolosa fantasia”, Francesco Moriconi).

Molto buona la sceneggiatura (evidente il debito a L’asso nella manica di Billy Wilder) di Sergio Donati (che già nel 1972 nell’ottimo Sbatti il mostro in prima pagina di Marco Bellocchio aveva evidenziato la capacità di manipolare l’informazione pubblica), con l’unico difetto -forse- di essere troppo chiara e diretta nella denuncia che intende operare.

Bravissimo Johnny Dorelli nell’inusuale ritratto di un personaggio oltremodo cinico e opportunista, simbolo tangibile di un’Italia ormai trasformata, un’Italia «genitrice» dell’attuale che vede il sensazionalismo dominare incontrastato in tutti i campi massmedologici, un’Italia che considera il successo e l’apparire come unici valori essenziali.

scheda  

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

luglio 29, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Dire che è un film “profetico” è poco

    Commento di marcellino | luglio 30, 2011

  2. Il “giallo” è chiaramente solo un pretesto per una seria denuncia, meritevolmente in antico sui tempi. Buono il cast, 10 e lode per Johnny Dorelli

    Commento di rosso | agosto 2, 2011

  3. Un’opera ingiustamente sottovalutata con un sorprendente Dorelli

    Commento di goad | agosto 10, 2011


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: