Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Angel-A”

2005: Angel-A di Luc Besson

uscita francia: 21 dicembre 2005     uscita italia: 17 marzo 2006

A volte ricorda Manhattan, a volte Il cielo sopra Berlino, a volte La vita è meravigliosa… eppure è un film del tutto originale e personale, favolistico e arguto, romantico e divertente.

Nessuna forma di pietismo né toni moraleggianti (1) in questa favola surreale, piacevole e coinvolgente al massimo, onirica ma altamente credibile.

Uno stupendo e non retorico affresco di una delle città più belle del mondo, un mirabile -semplice e profondo al contempo- ritratto umano: sono le due componenti che rendono il film dell’eclettico Luc Besson (ritornato alla regia dopo sei anni) meritevole d’essere visto e che hanno suscitato un plauso incondizionato da parte della critica: “…quella di Besson è una dichiarazione d’amore a Parigi, che a colori non sarebbe così poetica” (il Morandini), “Una favola moderna (cos’è il cinema d’altra parte?) con una morale sulla vita, per innalzare ancora di più a protagonisti i ponti sulla Senna, i quais, i parchi, la Tour Eiffel, che Andrè e Angela percorrono in lungo e in largo” (MyMovies), “L’intuizione di Besson è semplice, ma non banale: occorre lo sguardo di un altro per scoprire il meglio di sé, occorre essere amati per imparare davvero ad amare” (il Fumagalli), “Il bianco e nero, oggi molto poco usato al cinema, ha il potere di rendere il film più poetico” (Nonsolocinema), “Una meravigliosa Parigi in bianco e nero fa da sfondo ad una tenera e del tutto particolare storia d’amore” (FilmUp), “E’ un film che stordisce. Come tutti i film di Luc Besson, certo, ma questo lo fa in maniera diversa dai precedenti, lo fa con le risate e con le lacrime, con le parole d’amore e di speranza” (Cinefile).

Un’analisi -intelligente e ironica- sulle contraddizioni dell’essere umano ma soprattutto su “il bene e il male, la verità e la menzogna, la vita e la morte” (Cinezoom) il cui esito è un inno alla volontà di vivere, nonostante tutto. Un invito “a cercare la nostra metà nascosta, quella vera che celiamo dietro alla maschera che forse ci siamo costruiti per affrontare gli ostacoli e le difficoltà di ogni giorno” (Emanuel Perico).

Bravissimi Jamiel Debbouze (in Francia notissimo attore teatrale) e Rie Rasmussen (dapprima modella e poi autrice di corti,  qui al suo primo ruolo da protagonista).

note

(1)     il tema si prestava, tema che Matteo Signa così riassume “un uomo salvato da un angelo e un angelo forse a sua volta salvato da un uomo”

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Annunci

luglio 26, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , ,

6 commenti »

  1. Mai vista una Parigi così bella

    Commento di tim | luglio 27, 2011

  2. Un film strano, all’inizio sconcerta ma poi affascina

    Commento di joel | luglio 30, 2011

  3. Due attori sconosciuti da noi ma veramente bravi e credibili

    Commento di giovandrea | agosto 3, 2011

  4. Una bella favola consolatoria (e oggi ne abbiamo tanto bisogno)

    Commento di daniele | agosto 10, 2011

  5. quale è la musica di questo video?

    Commento di aldo | dicembre 12, 2012

  6. @ aldo: è una colonna sonora fornita da Magix, il software che utilizzo

    Commento di cinemaleo | dicembre 13, 2012


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: