Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Terra amata” di Darrell Roodt

1996: Cry, the Belkoved Country di Darrell Roodt


Il sudafricano Darrell Roodt: il caso di un promettente regista che ha deluso le aspettative riposte in lui. Aveva iniziato con ottimi film, applauditi dalla critica in più di un Festival, si è perso poi per strada dirigendo horror non del tutto originali.

Questo Terra amata (tratto dal romanzo di Alan Paton), benché non completamente riuscito, è probabilmente l’ultimo suo lavoro «impegnato».

Vari i lati positivi: splendide fotografia e immagini (opportunamente non pittoresche), efficace colonna sonora (sobria e non invasiva), buona direzione dell’intero cast, sentimentalismo e retorica ridotti al minimo… Manca però al film l’emozione che invece il libro suscita. Il difetto è da ricercare in una sceneggiatura un po’ troppo frettolosa che sorvola passaggi importanti e trascura il necessario approfondimento dei diversi personaggi (1).

Da encomio naturalmente il tema trattato e il messaggio che intende mandare (MyMovies così riassume la trama “Siamo in Sudafrica nel 1946. Si incrociano le vicende del religioso nero Kumalo e del bianco possidente Jarvia. Il figlio del primo uccide il figlio del bianco. Siamo nel quadro dell’odio razziale di quella terra e di quel tempo. Il giovane ucciso inoltre era un amico dei neri. Il ragazzo viene condannato a morte. Nel giorno dell’esecuzione il padre va sulla montagna a pregare. I due genitori si sono nel frattempo conosciuti e parlati. Li accomuna la grande sofferenza. Un auspicio per la futura, pacifica convivenza dei due popoli”) .

Da plauso la performance di Richard Harris e James Earl Jones (il primo è talmente bravo da farci quasi dimenticare la non perdonabile superficialità che lo script riserva al suo personaggio).

p.s.

Terra amata è il remake del film del 1952 di Zoltan Korda, interpretato -tra gli altri- da un giovanissimo Sidney Poitier

note

(1)     Stupisce che una siffatta sceneggiatura sia firmata da Ronald Harwood a cui dobbiamo, tra l’altro, Il servo di scena, A torto o a ragione, Il pianista, La Diva Julia, Una giornata di Ivan Denisovich…

 scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Annunci

giugno 13, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , ,

1 commento »

  1. Non tutto appare plausibile… ma il film merita senz’altro d’essere visto

    Commento di riccardo | giugno 17, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: