Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Un perfetto gentiluomo”

2010: The Extra Man di Shari Springer Berman e Robert Pulcini

Le carte c’erano tutte per realizzare un prodotto notevole e apprezzabile.

Un ottimo romanzo alle spalle (Io e Henry di Jonathan Ames), un’ambientazione interessante e non inusuale nel cinema hollywoodiano (siamo nell’Upper West Side, la zona di New York famosa perché abitata soprattutto da chi lavora in ambito culturale ed artistico, spesso squattrinato e scroccone), la presenza di tre formidabili attori uno più bravo dell’altro, una confezione di lusso particolarmente curata, uno script intelligente e arguto… Ma il risultato finale non può non definirsi deludente e allo spettatore non resta che rammaricarsi per l’occasione sprecata.

Regia e sceneggiatura non riescono a padroneggiare il materiale a disposizione e danno l’impressione di non saper bene cosa fare… Un perfetto gentiluomo a volte sembra voler irridere a una certa classe sociale tutta orpelli e con poca sostanza, a volte l’intenzione parrebbe voler esprimere sia le inquietudini tipicamente giovanili in crisi d’identità che la decadenza morale di chi ha visto crollare tutte le proprie speranze e illusioni, a volte l’accento è posto sull’incontro-scontro tra personalità e mentalità diverse (anziano-giovane, scettico-ingenuo, reazionario-liberale…), a volte il tutto sembra un omaggio alla gloriosa commedia sofisticata anni 30 riprodotta in maniera surreale… Il film appare così composto da varie parti che non si amalgamano tra loro, ognuna distraendo dall’altra. I numerosi personaggi di contorno (che dovrebbero avere il compito di meglio delineare le caratteristiche dei protagonisti) vivono per proprio conto e paiono un riempitivo accessorio e ininfluente. Il ritmo non è sostenuto come necessario, ironia e humour appaiono solo a tratti.

L’edizione italiana peggiora ulteriormente le cose. Un doppiaggio sbagliato trasforma situazioni paradossali e personaggi stravaganti in un mix di falso e inverosimile, mix non presente nell’edizione originale (1).

note

(1)     Questa è una delle possibili spiegazioni della differenza tra le accoglienze estremamente positive riservate al film dalla critica statunitense e quelle piuttosto tiepide della critica italiana (“…da un romanzo amato non esce sempre un buon film” Il Fatto quotidiano, “Malinconia e amarezza diventano maniera. Peccato”, Ciak).

scheda                                                                                                                                                                

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

 

maggio 15, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

5 commenti »

  1. film tutto sommato passabile (in un pomeriggio di pioggia, in mancanza di meglio); ho rivisto con piacere J. Reilly, un attore veramente versatile (mi sa che devo aggiornare il post che gli ho dedicato giusto un anno fa)

    Commento di marco1946 | maggio 16, 2011

  2. A volte divertente, a volte lento e indeciso

    Commento di peter | maggio 18, 2011

  3. Vale la pena vederlo per i due protagonisti veramente bravi

    Commento di giorgina | maggio 19, 2011

  4. Attori bravi ma il film l’ho trovato noioso

    Commento di brad | maggio 26, 2011

  5. io invece l’ho guduto sto film

    Commento di deathbysterotype | settembre 20, 2012


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: