Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Mio zio” di Jacques Tati

1958: Mon oncle di Jacques Tati 

Giustamente inondato di premi (Oscar, Palma d’oro…), il primo lavoro a colori di un genio del cinema.

Il film stupisce ancora oggi per la sua modernità: quando uscì (più di 50 anni fa!) avrà lasciato più di uno spettatore interdetto e «scioccato»…

Uno dei più caustici ritratti di una società che andava mutando velocemente (e non sempre in modo positivo). Massimamente ironico, a volte corrosivo, nel disegnare personaggi e situazioni che solo all’apparenza appaiono assurdi e inverosimili ma che invece riguardano tutti noi, con i nostri pregi (e soprattutto) con i nostri difetti… sempre uguali nel tempo e nello spazio.

La creatura di Jacques Tati, Monsieur Hulot, così stralunata ingenua anarchica…, esprime al meglio il disagio di quanti non accettano l’ipocrisia e il finto perbenismo di una società priva di veri valori, alla perenne ricerca -contro ogni buon senso- di modelli falsi e illusori.

Appare un anticorpo, Monsieur Hulot, ma più passa il tempo più ci rendiamo conto che la verità è in lui e non in quanti lo circondano e lo contrastano (vedendo in lui, giustamente, un pericolo, una minaccia a un modo di vivere sempre più disumanizzato, alienato e alienante, supinamente accettato e condiviso).

Un piccolo gioiello che conferma l’altissimo talento di un’artista che ha onorato la cinematografia europea, unico e inimitabile (1).

Ha scritto Claudio Colombo: Come per tutti i film di Tati, anche dopo la decima visione si scopre qualche dettaglio che era sempre sfuggito, ma Mon oncle non conta tanto per i dettagli, quanto perché è un’opera che non invecchia mai, essendo nata in un tempo che non era il suo, così come Tati sembra provenire da un altro pianeta, tale è la distanza da cui riesce ad osservare le cose che a noi, troppo vicini, spesso sfuggono. Chissà cosa dirà di noi, adesso”.

note

(1)     Gabriele La Rovere così ci spiega Tati e la sua particolare tecnica: “Jacques Tati racconta la vita quotidiana come una continua commedia che non ha mai termine e i suoi lavori rappresentano una formidabile satira sui riti sociali… Sono gli “assurdi” ritmi quotidiani il suo bersaglio e lo centra soprattutto con Monsieur Hulot; personaggio tranquillo ed impassibile dall’aria parecchio stralunata, vestito con impermeabile, cappello, pantaloni un po’ corti e immancabili pipa e ombrello. Le trame sono poco strutturate e le gag si susseguono continuamente senza avere necessariamente una logica; Tati-Hulot più che parlare borbotta esprimendosi quindi con una comicità dalla narrazione prevalentemente visiva e con una scarsa presenza dei dialoghi se non con lo stesso blaterare del protagonista; i campi di ripresa sono lunghi, le inquadrature minuziosamente costruite con un’attenzione particolare ai personaggi dislocati ai margini del campo; infine con l’intensità del sonoro, inteso non come dialogo ma suono, viene guidata l’attenzione all’interno dell’inquadratura stessa”.

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Annunci

maggio 14, 2011 - Posted by | cinema-recensioni, classici | , , , , , , , , ,

6 commenti »

  1. Poesia allo stato puro

    Commento di exdubius | maggio 15, 2011

  2. Non l’avevo mai visto… una rivelazione

    Commento di bellarmino | maggio 15, 2011

  3. Capolavoro di poesia e intelligenza di un vero e proprio Maestro

    Commento di rederik | maggio 18, 2011

  4. Un ritratto della stupidità umana validissimo ancora oggi

    Commento di abla | maggio 22, 2011

  5. Tra i migliori lavori del maestro Tati, insieme a “Play Time” e “Le Vacanze di Monsieur Hulot”. Imperdibile.

    Commento di il cineocchio | giugno 13, 2011

  6. Veramente un genio del cinema…

    Commento di peet | giugno 20, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: