Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Soul Kitchen” di Faitih Akin

2009: Soul Kitchen di Faitih Akin


Un film senz’altro piacevole che fa trascorrere due ore spensierate… ma il regista turco-tedesco ci aveva abituato a ben altro.

Se pensiamo a La sposa turca del 2003 o a Ai confini del Paradiso del 2007, che -trionfatori a Berlino e a Cannes- ci avevano emozionato e coinvolto come raramente accade, non si può non rimanere delusi da questo lavoro (Premio della Giuria a Venezia 2009) che segna una svolta nel regista (non più perfetta fusione di dramma e commedia ma solo commedia). Ritmo e dinamismo non mancano ma la sceneggiatura non brilla per originalità e inventiva e dà a volte l’impressione di girare a vuoto.

Scrive Edoardo Becattini:  “Faitih Akin ha compreso le tendenze del nuovo cinema della post-globalizzazione: le storie che intrecciano società multietniche, una regia dinamica, buona musica e un lieto fine sono destinate a vendere (e incassare) in tutto il mondo”. Un regista piegato ormai alle esigenze del mercato e alla ricerca del facile successo? La speranza è che Soul Kitchen sia solo una parentesi e che Akin ritorni presto a offrirci qualcosa di più sostanzioso (1).

Un plauso alla particolare e inconsueta fusione di musica (si passa dal funky al rythm & blues, dall’ hip hop al rebetiko greco…) e ai coloratissimi titoli di coda. Un «bravo» all’intero cast.

p.s.

Il film ha il merito di farci rivedere (ahimè in un brevissimo ruolo) la straordinaria Monica Bleibtreu che qualche anno fa ci aveva entusiasmato in quel gioiello di Quattro minuti.

note

(1) Eppure non sono poche le critiche entusiaste del film: “Un fibrillante caleidoscopio di situazioni, emozioni, avventure e risate cucinato da Akin come un fresco e speziato piatto misto” (Comingsoon), Una narrazione corale: e scorre che è un piacere” (la Repubblica), “In Soul Kitchen è presente tutta la freschezza e la perizia del cinema del regista turco-tedesco” (Movieplayer), Il film di Akin ha un ritmo da caterpillar della risata con trovate raffinate e/o dozzinali a incastro…” (Il Corriere della Sera), “…brillante e spiritoso” (La Stampa), “…il film più divertente, sorprendente e allegro del 66 Festival del cinema di Venezia” (FilmUp)

scheda

premi e riconoscimenti

sito italiano

Advertisements

aprile 1, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , ,

5 commenti »

  1. Forse è vero che non è all’altezza degli altri lavori del regista ma è un film piacevolissimo

    Commento di defalco | aprile 2, 2011

  2. Un bello spaccato dell’odierna società

    Commento di stella | aprile 2, 2011

  3. Attori formidabili, personaggi accattivanti

    Commento di petrella | aprile 3, 2011

  4. Un film che riguardo sempre con piacere, divertente, allegro, musicalmente perfetto, lascia sempre l’impressione di una bella atmosfera…

    Commento di Bruno | maggio 8, 2011

  5. Colonna sonora trascinante che incorona uno dei più curiosi film della passata stagione

    Commento di marion | maggio 18, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: