Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“I ragazzi stanno bene” di Lisa Cholodenko

2010: The Kids Are All Right di Lisa Cholodenko


Grande successo al Sundance Film Festival e al Festival di Berlino, nonché ai botteghini di tutto il mondo, il film ha avuto 4 nomination agli Oscar.

I ragazzi stanno bene (in Italia presentato in anteprima al Festival del Cinema di Roma) sta piacendo molto sia alla critica che al pubblico (1):

“Acclamato dalla stampa americana, il film può tranquillamente essere etichettato come il miglior lavoro indipendente dell’anno “Cineblog), “…la sua storia appassiona e diverte perché riesce a far vibrare i suoi personaggi con tutte le tenere debolezze dell’agire umano e a parlare di turbamenti, gay porn e amore saffico senza piegarsi né alla risata grassa della farsa né al ghigno infantile della pruderie” (MyMovies), “…alcune gag sono decisamente esilaranti, le battute non mancano, e tutto il cast dona un’interpretazione decisamente brillante” (Movieplayer), “Una commedia intelligente e arguta… frizzante ma non frivola” (Il Riformista), “Il film procede di bene in meglio, alimentato da una sceneggiatura acuta e sapiente e da una recitazione superlativa” (Financial Times).

Francamente non condivido tale entusiasmo.

Lo spunto è molto buono, quanto mai moderno e attuale e qualcuno potrebbe addirittura definirlo coraggioso… Ma sceneggiatura e regia (entrambe di Lisa Cholodenko) lasciano molto a desiderare. Ambedue piuttosto piatte, senza fantasia né originalità. Probabilmente la Cholodenko voleva mostrare che in una famiglia «irregolare» accadono le stesse cose che avvengono in una famiglia «tradizionale» e che tra le due non ci sono poi tante differenze… e quindi perché scandalizzarsi? Intento senz’altro encomiabile, ma l’operazione, cinematograficamente parlando, ha il risultato che abbiamo l’impressione di assistere a una summa di tante scene, di tante situazioni, di tante psicologie viste in tanti tantissimi film. Nessuna novità, nessuna inventiva.

Il tutto sa di falso e di costruito a tavolino (e il doppiaggio non aiuta). I protagonisti sembrano vivere in una campana di vetro senza alcun rapporto con la realtà che li circonda, in un paradiso terrestre senza problemi se non quelli sentimentali (in alcuni Stati americani il matrimonio gay è legalizzato ma che per le coppie tutto fili liscio mi sembra un po’ inverosimile).

Troppo superficiale per essere drammatico, troppo poco ironico per essere divertente, I ragazzi stanno bene procede stancamente senza saper bene cosa dire (impressione rafforzata dalla inutile e superflua presenza di situazioni e personaggi -il giardiniere, l’amico del figlio…- che nulla aggiungono al film).

Punto di forza dovrebbe essere la performance degli illustri attori che compongono il cast, ma anche qui la delusione è grande. Salverei la sempre straordinaria Anette Bening e la convincente Mia Wasikowska. Poco credibile invece Julianne Moore, solitamente grande attrice, ma che qui sembra l’ombra di se stessa. Pollice giù per Mark Ruffalo (alle prese con un personaggio improbabile e ripetitivo) e per Josh Hutcherson in un ruolo del tutto inconsistente.

note

(1)     Fuori dal coro, Fabio Secchi Frau scrive “…apparentemente sembra una commedia moderna e progressista, non è altro che un semplice piccolo dramma familiare svuotato delle tematiche gay, ma che vira fortemente in borghesi valori tradizionali riconducibili a qualsiasi altra normalissima famiglia”.

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

 

Annunci

marzo 19, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , ,

8 commenti »

  1. TheCoevas recently read your post, titled “I ragazzi stanno bene” di Lisa Cholodenko, and enjoyed it enough to click the ‘Like’ button. Congratulations.

    Commento di wordpress.com | marzo 20, 2011

  2. Fidandomi del Messaggero (“un film che diverte e fa riflettere”) sono andata a vederlo… Beh, non mi sono divertita e l’unica riflessione che ho fatto è che è stata sprecata un’occasione

    Commento di floriana | marzo 20, 2011

  3. bellissimo film, davvero una grande lezione per l’Italia. mi sono davvero entusiasmata a guardarlo..
    girovagando sul sito di gola gioconda, ho trovato un articolo che parla del film dal punto di vista alimentare..ecco il link http://www.golagioconda.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2249:il-vino-attore-non-protagonista-dei-qragazzi-stanno-beneq&catid=98:visto-e-sentito&Itemid=345 nell’articolo viene svelata la famosa ricetta della torta di rabarbaro e fragole, fatta da Paaul. da provare!!

    Commento di bene | marzo 21, 2011

  4. Il film non l’ho visto ma spero che sulla Moore ti sbagli… (è un delle mie attrici preferite)

    Commento di riccardo | marzo 22, 2011

  5. Tenuto nel multisala della mia città soli 2 giorni. Impossibile da vedere. Purtroppo.

    Commento di cst | marzo 22, 2011

  6. Un po’ mi ha delusa ma comunque merita d’essere visto

    Commento di maurizia | marzo 28, 2011

  7. Una commediola, a tratti piacevole, un po’ banale

    Commento di fabio80 | marzo 29, 2011

  8. Crisi familiari mostrate mille volte dal cinema americano che a volte ha dimostrato ben altro coraggio

    Commento di giannaflower | aprile 7, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: