Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“The last station” di Michael Hoffman  

2009: The Last Station di Michael Hoffman


Presentato alla quarta edizione del Festival di Roma  il film che ci racconta gli ultimi mesi di vita di Lev Tolstoj in bilico “tra la possessiva e passionale consorte e i suoi discepoli-avvoltoi” (Paolo D’Agostini).

Quanto mai controverse le reazioni della critica: “Contraddittorio e tradizionalista, il Tolstoj di Hoffman non è più uno dei grandi personaggi della letteratura russa” (MyMovies), “…il film di Michael Hoffman centra bene il suo interessante plot, gode di un cast d’eccellenza, il ritmo, adeguato all’ambientazione storica, è coinvolgente, la regia garbata e la sua deflagrante carica commovente e divertente convince la testa e il cuore” (Mocieplayer), “…un film biografico onesto in grado di soddisfare i palati degli appassionati di Tolstoj come pure i gusti dei semplici curiosi” (FilmUp), “Michael Hoffman avrebbe dovuto sfruttare con ben altra lucidità, prima di tutto narrativa, sia il gruppo di grandi interpreti a sua disposizione che l’originalità e l’importanza del soggetto iniziale” (Comingsoon), “…ci troviamo di fronte un’opera del tutto priva di mordente, che poco racconta e che pecca di buona volontà” (Everyeye.it), “Un film provocatorio e fuori moda, ma proprio per questo di grande fascino… Una poetica storia d’amore, una riflessione sulla vecchiaia e un favola filosofica sull’utopia. Un balsamo per la mente…” (Ciak).

Sicuramente un film interessante e coraggioso per lo stile e i temi trattati (oggi non tanto di moda). Una pagina storica non molto conosciuta e che non può non incuriosire. Avremmo gradito un maggior approfondimento nel ritratto dei personaggi (incompiuto specie nei minori) e un ritmo più sostenuto… Ma The last station (tratto dall’omonimo romanzo di Jay Parini) è apprezzabile per la notevole ricostruzione e soprattutto per l’eccezionale performance di Helen Mirren (giustamente premiata al festival romano), Christopher Plummer (una delle migliori della sua lunga carriera), Paul Giamatti (in un ruolo per lui inconsueto). Scialbo appare invece il giovane James McAvory che non dà alcun spessore all’importante personaggio che interpreta (ma la colpa va probabilmente attribuita a regia e sceneggiatura che non l’aiutano).

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Annunci

marzo 17, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , ,

6 commenti »

  1. mi è molto piaciuta l’interpretazione della Mirren (origine russa, suo padre si chiamava Mironov), moglie maltrattata ma ancora innamorata di un vecchio utopista

    Commento di marco1946 | marzo 17, 2011

  2. L’ho trovato un film “sostanzioso” e non banale… peccato sia stato poco pubblicizzato

    Commento di petrella | marzo 19, 2011

  3. Interessante e ben realizzato

    Commento di nino | marzo 20, 2011

  4. Mirren & Plummer da applaudire incondizionatamente

    Commento di fabio80 | marzo 25, 2011

  5. Un po’ lento ma oltremodo affascinante

    Commento di loriana | aprile 3, 2011

  6. Ok, ma tutta la storia che c’è dietro, in prospettiva del comunismo, viene messa in secondo piano. Ci volevano più coraggio, meno sentimentalismi, una spiegazione più convincente del “movimento”

    Commento di agegiofilm | novembre 18, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: