Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Il padre e lo straniero” di Ricky Tognazzi

2010: Il padre e lo straniero di Ricky Tognazzi

Lodevole il messaggio, interessante (sulla carta…) il contenuto, ma il film nel suo complesso lascia alquanto perplessi.

A parte rarissime eccezioni –“Ricky Tognazzi fa un film composto e lineare, in grado di lasciare tracce anche profonde” (L’Unità), Intrattenimento di classe firmato dall’esperto Ricky Tognazzi” (Il Messaggero)- la critica è stata piuttosto severa nei suoi giudizi: “…un film di buone intenzioni, ma che si perde in un labirinto di problemi formali che, oltretutto, finiscono per scontrarsi con dubbie motivazioni registiche” (FilmUp), “Ricky Tognazzi e consorte, con la complicità dello stesso autore letterario, confezionano infatti un film squilibrato, frammentario, che cerca di prendere mille direzioni diverse senza imboccare mai quella giusta con forza e convinzione” (MoviePlayer), “Il tono è falso dall’inizio alla fine, mentre non si capisce mai che registro vuole prendere il film” (Badtaste.it),Luoghi comuni consunti per elaborare un edificante messaggio di tolleranza” (MyMovies), Il film di Tognazzi cambia toni, ritmi e il senso, saltellando di genere in genere col tentativo di inviare al pubblico qualche significato di troppo: il rischio, spesso centrato, e di dire poco di ogni cosa” (Il Fatto Quotidiano), “Un film senza particolari guizzi, con un po’ di confusione, che non riesce davvero a creare il coinvolgimento sperato, zoppicando qua e là in cerca di ritmo e soluzioni estetiche non proprio memorabili” (Cinematografo.it), “Un thriller dove tutto è improbabile” (Il Corriere della Sera), “Un prodotto claudicante, irrisolto e superficiale” (Cultframe.com), “Al cinema italiano mancano finanziamenti. Eppure avanzano soldi per girare film come questo, che ogni altra industria cinematografica avrebbe respinto” (Il Foglio).

Come si «diventa» padri, l’amore, l’amicizia virile, la tolleranza, l’abbandono dei pregiudizi, il contatto con il «diverso»… questi i temi salienti nella prima parte de Il padre e lo straniero (“molto didattica e pedagogica” ha giustamente detto Maurizio G. De Bonis). Ma improvvisamente si passa alla spy story (in cui peraltro non tutto è spiegato): lo spettatore è disorientato, il poco plausibile appare la nota dominante. Sembra così di assistere a lue lavori diversi malamente mescolati, che si disturbano l’un l’altro e spiazzano il pubblico che più di una volta si chiede a che tipo di film stia assistendo. “Difficile la convivenza tra i toni da commedia sentimentale della prima parte e il farraginoso action spionistico della seconda parte” scrive Emanuele Sacchi: impossibile non concordare.

Presentata fuori concorso all’ultimo Festival Internazionale del Film di Roma, la nuova fatica di Ricky Tognazzi (era da quasi otto anni che non dirigeva film) è tratta dall’omonimo romanzo (2004) di Giancarlo De Cataldo che ha collaborato alla sceneggiatura, sceneggiatura che costituisce il principale limite del film… e risulta quindi inspiegabile il premio che essa ha ricevuto al recente Festival del Cairo.

Un’opera che soffre per un ritmo piuttosto lento, per un lacunoso approfondimento dei personaggi (abbozzati, senza il minimo spessore), per la scarsa originalità e i molti luoghi comuni nel presentare il mondo arabo.

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

trailer


febbraio 19, 2011 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

8 commenti »

  1. Uno dei difetti del film è l’aver trascurato Ksenia Rappoport, attrice che ammiro molto, e qui in secondo piano

    Commento di bellarmino | febbraio 20, 2011

  2. Un film che non solo lascia perplessi ma annoia anche…

    Commento di floriana | febbraio 21, 2011

  3. Forse è il lavoro meno riuscito di Tognazzi, regista che ha sempre cercato di fare cose diverse nel generale piattume del nostro cinema

    Commento di goad | febbraio 21, 2011

  4. @ bellarmino Vista la trama, centrata sull’amicizia virile, era inevitabile trascurare le figure femminili

    Commento di lina | febbraio 23, 2011

  5. Un guazzabuglio da evitare

    Commento di lorenzo | febbraio 24, 2011

  6. Gassman monolitico e monocorde come al solito

    Commento di maurizia | marzo 3, 2011

  7. Peccato, poteva essere un piccolo gioiello se regia e sceneggiatura avessero saputo amalgamare meglio i vari temi trattati

    Commento di bianca | marzo 5, 2011

  8. Ha ricevuto dei premi a un Festival? Assurdo…

    Commento di briola | marzo 14, 2011


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: