Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“C’era una volta Hollywood”

1974: That’s Entertainment di Jack Haley Jr.


Tutto quello che veniva dall’America, paese sognato, diventava immediatamente favoloso; tutto quello che succedeva in America sembrava succedere in maniera avvincente… Il mito dell’America è nato proprio dal cinema: tu vedevi i film di Hollywood e volevi essere americano, magari continuando ad abitare a Rimini (Federico Fellini).

Hollywood… fabbrica di sogni. Questa è l’idea che tutti hanno del periodo d’oro dell’industria cinematografica americana… e quale genere esprime meglio questo concetto del musical, dove la vita è spesso un grande sogno in technicolor?

Ed è il musical, a mio parere, che caratterizza Hollywood: nessun altro genere è tipicamente hollywoodiano come questo di cui detiene un monopolio incontrastato (altre cinematografie hanno creato ottimi western thriller horror… ma nessuna ha eguagliato gli americani in questo campo).

La MGM, nel celebrare il 50° anniversario, realizzò nel 1974 questa antologia che ricorda il suo primato nel campo del musical. Scene e musiche indimenticabili. E gli attori? Giustamente lo slogan dello studio era Più stelle nella MGM che in cielo…

Ha scritto Walter Veltroni: “Questo film è come un’indigestione. Come se un appassionato di cioccolato fosse portato in visita alla fabbrica della Lindt o della Suchard, così è, per chi ama il cinema, C’era una volta Hollywood. È una cavalcata trionfale nella memoria e nella storia del cinema. C’è, in frammenti, tutta la storia del musical americano. Cioè la storia di tutto il cinema che ha fatto sognare. Provate a chiudere gli occhi e a sognare, con gli occhi della mente, mentre tutte le immagini più care vi scorrono davanti e provate a risentire le musiche più tenere ed emozionanti. Dunque: c’è Esther Williams che nuota e intorno a lei ruotano colori pacchiani e scenografie di dubbio gusto. C’è il nasone di Jimmy Durante e il ciuffo di Donald O’Connor. C’è Cary Grant, elegante e sornione. È c’è Judy Garland. Potrei non finire più, tanti sono i volti cari che si affollano in quelle immagini. Ma ci sono tre cose che restano impresse nella memoria: la tipica sequenza di Gene Kelly in Un americano a Parigi, i balletti di Fred Astaire, tutti. È poi c’è una sequenza di balletto comico con Donald O’Connor che è davvero memorabile. Il film è un gioco meraviglioso. Dura tanto, ma si vorrebbe non finisse mai, questo Blob della Mgm” (Certi piccoli amori. Dizionario sentimentale di film, Sperling & Kupfer Editori, Milano, 1988)

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

trailer

p.s.

23 ottobre 1927: data storica per il cinema. La Warner Bros presenta il primo film sonoro, “Il cantante di jazz” di Alan Crosland e il musical è totalmente debitore di questo avvenimento.

Non per niente all’inizio fu proprio la Warner ad avere il dominio del genere, realizzando le importanti opere di quel genio che fu Busby Berkeley, opere incantevoli e stravaganti. Con lui per la prima volta l’immagine si integra totalmente con la colonna sonora e le coreografie. Il cinema di Berkeley sollecita la visione incantata e onirica dello spettatore: deliranti architetture umane dove la geometria la fa da padrone, immagini aeree, balletti marini, riprese dall’alto di ragazze volteggianti su scenografie maestose…

Ma negli anni 30 il successo della WB è conteso dalla più celebre coppia dello schermo: la RKO lancia Fred Astaire e Ginger Rogers che fin dagli esordi suscitarono ammirazione ed entusiasmo non solo per le loro performance acrobatiche ma soprattutto per la notevole eleganza, raffinatezza, stile, buon gusto, apparente facilità estrema, morbidezza… (e ancor oggi guardarli danzare è un‘emozione!).

Dagli anni Quaranta in poi dominatrice divenne la MGM che produsse i musical più famosi dell’intera storia del cinema: “The pirate” “Incontriamoci a St.Louis” “Bellezze al bagno” “Spettacolo di varietà” “Un americano a Parigi” “Cantando sotto la pioggia” “Sette spose per sette fratelli”… consacrarono il successo di mostri di bravura come Judy Garland, Mickey Rooney, Esther Williams, Frank Sinatra, Gene Kelly, Cyd Charisse, Leslie Caron, June Allyson, Stanley Donen, Vincente Minnelli… (impossibile citarli tutti!).

Gli ultimi decenni sembrano aver risvegliato gli americani dal sogno incantato cui lo avevano abituato i film hollywoodiani: il musical non sarebbe stato più lo stesso.
Spirito gioia ottimismo… (e il tradizionale mostruoso talento) che caratterizzano il musical dei tempi d’oro riappaiono improvvisamente nel 1982: Blake Edwards dirige sua moglie in “Victor Victoria” (a detta della critica ultimo esempio di un mondo irrepetibile). La magnifica Parigi anni Trenta interamente ricostruita negli studi, l’eccezionale bravura di Julie Andrews e di Robert Preston, l’intelligenza del copione, le musiche e le coreografie eleganti ed ironiche danno origine a un enorme successo in tutto il mondo… vero canto del cigno.

Annunci

novembre 27, 2010 - Posted by | cinema-recensioni, classici, varia | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

9 commenti »

  1. Per capire Hollywood niente di meglio di questo grande spettacolo

    Commento di claretta | novembre 28, 2010

  2. Ha ragione Veltroni: è come una indigestione per gli amanti del cioccolato

    Commento di peet | novembre 28, 2010

  3. Quanti volti che hanno fatto del cinema lo spettacolo più popolare

    Commento di fabio | novembre 29, 2010

  4. Un’abbuffata di ricordi indelebili…

    Commento di exdubius | dicembre 1, 2010

  5. Talento a profusione…

    Commento di fabrizio | dicembre 1, 2010

  6. Vedere tutti insieme Garland Astaire Kelly Rogers Charisse (etc etc…), che gioia per gli occhi e le orecchie!

    Commento di giuliano | dicembre 4, 2010

  7. Spettacolo imperdibile!

    Commento di manuel | dicembre 6, 2010

  8. Un attore del cinema muto si innamora di un aspirante attrice e subentrato il sonoro sogna di fare un musical con lei.

    Commento di monex fraud | dicembre 18, 2010

  9. Un gioiello imperdibile

    Commento di alice | dicembre 19, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: