Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Melinda e Melinda”

2004: Melinda and Melinda di Woody Allen


Perplessità da parte della critica abitualmente plaudente a ogni realizzazione del regista newyorkese:

“Siamo di fronte a un cincischiamento intellettualistico, una fredda variazione su temi che in passato esplodevano fra le mani del Molière di Manhattan” (Il Corriere della Sera),  “…un plot sulla carta interessante, ma che, all’atto pratico mostra segni di cedimento (MyMovies), “…le situazioni sono statiche, i dialoghi, anche se infiorettati da sapide battute, sono verbosi e gli interpreti, anche quando, gli uomini, imitano i modi di recitare del loro autore, non hanno mai molto rilievo (Il Tempo), “E’ riuscito a metà perché c’è tutto ciò che siamo abituati a trovare nei suoi film tranne lui. Lui e la grazia, il brio, l’intelligenza inquieta delle sue cose migliori” (Il Messaggero).

Un fiume di parole riempie una ora e mezzo in cui praticamente non accade molto se non un continuo andirivieni di personaggi vari che sembrano tanto girare a vuoto e che riproducono gesti, atteggiamenti, modi di vivere e di pensare copiati dai vecchi film di Woody Allen. Infatti si esce dalla visione con l’impressione di aver assistito alla scopiazzatura maldigerita del mondo a cui il geniale (una volta) regista americano ci aveva abituato. Ma per Woody la vita non si evolve? Possibile che i suoi personaggi siano gli stessi dei suoi film di trent’anni fa (stesse situazioni, stessi ambienti, stesse problematiche, stesse battute…)? Che dire poi di questa nuova abitudine di utilizzare un attore facendone il clone di se stesso? Un modo di esorcizzare la vecchiaia? Un tentativo di creare un monumento a se stesso? Come dice la mia portiera “Non se ne può più!”.
Oltre la noia dilagante, questo film si caratterizza per la scialba prestazione degli attori. La protagonista poi, Radha Mitchell, segue evidentemente a puntino e con perfetta tecnica tutto quello che il regista le ha detto di fare ma di suo non ci mette nulla: non comunica, non colpisce la nostra attenzione o immaginazione, non ci fa minimamente interessare alle sue vicende.
Da sottolineare infine che la sceneggiatura fallisce ciò che vuole dimostrare (che la vita può essere letta come una tragedia o come una commedia): non viene presentata la stessa situazione vista in due modi opposti, assistiamo invece a due situazioni completamente diverse. 

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

trailer

 

Annunci

novembre 15, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , ,

4 commenti »

  1. Noioso… e il doppiaggio non aiuta

    Commento di manlio50 | novembre 16, 2010

  2. Possibile che un “grande” come Allen non si sia stancato di rigirare ultimamente sempre la solita minestra?

    Commento di niger | novembre 18, 2010

  3. Pessimo doppiaggio per (secondo me) il film più fiacco e fastidiosamente logorroico di WA

    Commento di giovandrea | novembre 19, 2010

  4. A me il film non è dispiaciuto: un lavoro equilibrato, gustoso e intelligente, amaro e divertente al contempo

    Commento di frank | novembre 22, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: