Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Ti do i miei occhi”

2003: Te doy mis ojos di Iciar Bollain


Premiato al Festival di San Sebastian e vincitore di 7 Goya (gli Oscar spagnoli) un ottimo film sulla violenza domestica e sul rapporto non paritario uomo-donna.

Uno dei migliori e maggiormente approfonditi ritratti di donna che il grande schermo ci abbia mai offerto, una analisi convincente e sensibile di una dramma perennemente attuale, la cui soluzione sembra sempre lontana e difficile (presentando il film in Italia, la regista ha ricordato che “negli Usa viene aggredita in media una donna ogni pochi secondi e in genere il responsabile è il marito, in Spagna 2 milioni di donne sono state vittime di maltrattamenti in casa, in Svezia ogni dieci giorni una donna muore in seguito agli abusi subiti da parte di un familiare”).

Passione e disperazione, gelosia e istinto di possesso, sconforto e desiderio di riscatto mirabilmente descritti da una sceneggiatura intelligente e da una regia ammirevolmente essenziale e asciutta, sobria e incisiva. Pedro Armocida sottolinea giustamente come “il tema dei maltrattamenti in famiglia sia toccato in maniera originale, cercando di asciugare il più possibile il film dalla rappresentazione nuda e cruda della violenza. C’è una sorta di insopportabile suspense, di attesa della violenza, proprio come può capitare nella realtà alle donne in queste condizioni”. Pugni e schiaffi non si vedono mai: “immaginare è peggio che vedere -ha dichiarato Iciar Bollain- crea quella tensione necessaria alla gente per non distrarsi e restituisce il terrore di chi vive in casa propria sapendo di non essere al sicuro”.

 

Il film non solo ha sbancato il botteghino in Spagna ma ha conquistato anche la nostra critica: “Asciutto, senza cedimenti al sentimentalismo o alla passionalità, Ti do i miei occhi è un bel film, con una solida sceneggiatura e, soprattutto, due ottimi protagonisti” (Ciak), “… un bellissimo film spagnolo che in patria ha fatto razzia di premi” (Il Messaggero), “La ricostruzione è fortemente realista e non accetta digressioni” (Film tv), “Soprattutto merito del film è di non mostrare né spiegare troppo… Non tanto opera di denuncia quanto variazione sul mistero dell’amore” (Repubblica), “Andrebbe mostrato nelle scuole di sceneggiatura per dimostrare come uno spunto sociale forte possa essere uno spunto per farci entrare nella vita di personaggi ai quali ci si affeziona come fossero persone” (L’Unità), “… un racconto che prende al cuore e alla gola grazie a due protagonisti strepitosi sul cui volto si legge tutto, proprio tutto, vulnerabili entrambi. Prototipo di un fenomeno di costume assai vasto, il film va oltre la denuncia, è la radiografia della doppiezza dei sentimenti, della paura, del gotico che si annida non solo in El Greco ma in tutti noi” (Il Corriere della Sera), “Un film bellissimo” (La Stampa), “Un film di una forza e un’intensità straordinaria” (FilmUp).

Pur non essendo esente da difetti (non tutto è plausibile, il personaggio del marito andava maggiormente approfondito…) Ti do i miei occhi è un’opera da vedere ed evidenzia la vitalità del cinema europeo. Col suo sottolineare l’intima fragilità dell’uomo e la sostanziale forza della donna, un lavoro -semplice e al contempo complesso- che emoziona e coinvolge, desta la nostra attenzione dalla prima all’ultima scena e questo grazie anche agli interpreti: Laia Marull (attrice da noi sconosciuta) offre una eccezionale performance in un ruolo non facile dalle mille sfaccettature e contraddizioni, una prestazione che non si dimentica facilmente. Ma bravi sono anche Luis Tosar, attore e musicista molto apprezzato in Spagna, e Candela Pena (che avevamo già ammirato in Tutto su mia madre e soprattutto in Princesas).

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

 

Annunci

ottobre 22, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

7 commenti »

  1. Ben vengano film come questi. Bellissimo

    Commento di giusy | ottobre 23, 2010

  2. Interpreti straordinari per uno dei film più emozionanti che abbia mai visto

    Commento di zazie | ottobre 24, 2010

  3. Viene quasi da vergognarsi di appartenere al genere maschile…

    Commento di exdubius | ottobre 25, 2010

  4. exdubius, concordo (purtroppo)

    Commento di nino | ottobre 26, 2010

  5. Un film duro e nello stesso tempo tenero che speriamo faccia riflettere tanti maschietti…

    Commento di giannaflower | ottobre 27, 2010

  6. La protagonista è straordinaria, hai ragione Leo: difficile dimenticarla

    Commento di peter | novembre 5, 2010

  7. Il violento non è malato e va condannato!!!

    Commento di iocolanatiziana | novembre 28, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: