Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Gangsters”

2002: Gangsters di Olivier Marchal

Uno dei migliori (e poco conosciuti) esempi di «polar» (1).

Benché ispirato a una storia vera la trama non è delle più originali ma la bravura del regista e degli interpreti, nonché una sceneggiatura mai banale che ben delinea le psicologie dei vari personaggi, rendono questo film un ottimo noir, secco e asciutto, teso  ed emozionante. Il racconto non è piacevole ma coinvolge per l’intero svolgimento.

Gangsters è il primo lungometraggio di Olivier Marchal che da bravo ex-poliziotto mostra di ben conoscere la materia che tratta, riuscendo a rendere il suo lavoro massimamente credibile (trame simili ne abbiamo viste a centinaia nel cinema americano, dando spesso la sensazione di costruzioni a tavolino artefatte e non plausibili). Il regista sfrutterà più volte la sua esperienza: basti pensare al non riuscito 36 Quai des orfèvres e all’ottimo L’ultima missione.

Gangsters è senz’altro da recuperare (nelle nostre sale passò quasi inosservato): meritevole d’essere visto per l’incisivo ritratto delle ambiguità e debolezze umane a cui prestano volto attori noti e non (tutti eccezionalmente da plauso), per il convincente cupo desolante e dolente ritratto di un mondo che fatica a restare nella legalità” (Film.tv.it), per lo stile serrato (senza pause, senza lungaggini, senza fronzoli…) della regia.

note

(1) Così Wikipedia definisce il polar: “Il polar è un genere cinematografico e letterario, neologismo francese nato dalla fusione dei termini poliziesco (policier) e noir. Identifica un genere di romanzi e film  dalle note cupe ed introspettive caratteristiche del noir, i cui protagonisti però sono tipicamente appartenenti alle forze dell’ordine, spesso coinvolti in un percorso catartico o di mutamento della propria esistenza”.

scheda

Advertisements

ottobre 2, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Emozionante senza essere inutilmente vorticoso, mai noioso

    Commento di bellarmino | ottobre 4, 2010

  2. Il finale mi è sembrato un po’ “moscio” ma nel complesso è un bel film

    Commento di briola | ottobre 4, 2010

  3. La coppia protagonista è ottima, tutto il film si segue con interesse

    Commento di red | ottobre 6, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: