Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Venti sigarette”

2010: Venti sigarette di Aureliano Amadei

Molte aspettative per un film che andava fatto.

Per rendere il dovuto omaggio a delle vittime che corrono il rischio dell’oblio (il nostro è un Paese di scarsa memoria). Ma anche per invitare alla riflessione e alla discussione su una «discutibile missione di pace», sulla «esportabilità» della democrazia, sul come e perché ancora oggi si ricorra alle armi per risolvere i problemi, sul «gioco» delle superpotenze nello scenario mondiale, sul perdurare di interessi mascherati da nobili ideali… Tanto il materiale da sfruttare ma nulla di tutto ciò appare in Venti sigarette, film di cui non si comprende bene il significato e l’utilità. Non è un affresco di quanto accade in Oriente, non è un’analisi dei traumi causati dalle guerre, non è una denuncia politica… Dovrebbe sconvolgere e indignare, quanto meno commuovere, coinvolgere, emozionare. Nulla. Tutto appare poco credibile, superficiale, massimamente prudente a toccare certi temi. Il protagonista Vinicio Marchioni non aiuta: poco plausibile all’inizio (fa troppo il ragazzino), non convincente alla fine (urla eccessivamente).

Qualche buona scena non manca (l’incontro tra il protagonista e la moglie del generale è abbastanza toccante, il discorso alla presentazione del libro è abbastanza incisivo…) ma troppo poco in un’opera che manca di mordente e che colpevolmente indugia in digressioni superflue e discordanti.

Difettosa la sceneggiatura che non lascia alcuno spazio alle vittime del massacro: tranne il personaggio di Max (a cui si concede qualche battuta e qualche inquadratura), nulla sappiamo di loro, si intravedono anonimamente e non lasciano traccia nella nostra memoria. Niente pathos, niente empatia. Degli sconosciuti appena intravisti muoiono: cinematograficamente troppo poco per destare la nostra attenzione e il nostro interesse. Sceneggiatura che, ribadisco, evita accuratamente (tranne qualche lieve traccia… molto ma molto lieve) di affrontare argomenti scomodi forieri di possibili (ma auspicabili) polemiche e controversie. Un’occasione sprecata di analizzare e cercare di comprendere quanto stia accadendo in una zona che continua a produrre vittime di ogni genere, senza che ancora si riesca a vedere una soluzione o una possibile via di uscita.

scheda

settembre 23, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , ,

9 commenti »

  1. Molti luoghi comuni e scarso approfondimento, un protagonista che gigioneggia troppo

    Commento di dubius | settembre 24, 2010

  2. E’ chiaro che al regista interessa solo raccontare la sua storia e non schierarsi pro o contro la guerra. Il guaio è che il film coinvolge poco e non suscita un briciolo d’emozione

    Commento di laura | settembre 24, 2010

  3. In varie dichiarazioni Amadei ha parlato dell’ostilità dei vertici dell’esercito verso il suo film… ma questo film cosa denuncia?

    Commento di niger | settembre 24, 2010

  4. Veramente un’occasione persa

    Commento di ines | settembre 26, 2010

  5. Sembra che a Venezia il film abbia commosso tutti, critici e pubblico… Un mistero…

    Commento di zazie | settembre 27, 2010

  6. A Venezia non solo ha commosso ma ha ricevuto anche dei premi… Altro mistero

    Commento di manlio50 | settembre 28, 2010

  7. Approvo

    Commento di alp2000 | ottobre 1, 2010

  8. Sembra proprio che il film non sia piaciuto a nessuno: mi associo

    Commento di salvatore | ottobre 6, 2010

  9. Anche a me il film non ha convinto molto… ma volevo segnalare che su Repubblica di oggi ho letto che Amadei ha vinto il Premio per l’opera prima al Festival Internazionale di Bari

    Commento di maurizia | gennaio 29, 2011


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: