Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Slither”

2006: Slither di James Gunn

Sicuramente le ultime stagioni passeranno alla storia come anni particolarmente ricchi di orrore vista l’abbondanza di film in uscita riguardanti il soprannaturale, i serial killer particolarmente sadici, i fantasmi di tutte le risme, i mostri più o meno orrendi…
Questo si segnala per essere nettamente superiore alla media.

James Gunn, famoso più come sceneggiatore e autore di romanzi di fantascienza, con Slither torna dietro la macchina da presa dopo nove anni.
Il film è stato accolto benevolmente dalla critica americana, deludenti invece sono stati i risultati al box-office (il 35enne regista ha così spiegato il perché del flop al botteghino: “Penso che Slither sia un mix di diversi generi di film prima di tutto, e questo fatto è piuttosto difficile da comprendere per il pubblico americano. Credo si tratti di quel genere di titoli che la gente che si trova in sala ama, ma è difficile che questi film riescano a far accorrere un gran numero di persone nei cinema. Rimangono confusi su quale tipo di film si tratti. Il perché sia così non lo so. Perché la gente possa essere così superficiale non lo so. Penso solo che esista una gran numero di queste persone”).

Ciò che la stampa specializzata ha maggiormente, e con ragione, apprezzato è il dichiarato omaggio a grandi registi del genere (David Cronenberg, John Carpenter, Sam Raimi, George A. Romero, Peter Jackson…) e a film (dagli anni 50 agli anni 80) ormai diventati dei veri e propri cult (L’Invasione degli Ultracorpi, La Notte dei Morti Viventi, Il Demone Sotto La Pelle, Blob: Il Fluido che Uccide, Society, Rosemary’s Baby, Shivers, La Cosa…): giustamente un critico ha detto che questo è un “lavoro di archeologia e amore”.
Slither non un semplice «slasher film», un sotto-genere cinematografico basato su grossolani effetti speciali (i tanto vituperati «effettacci»).
Caratteristiche essenziali sono invece la buona prova degli attori, il ritmo sostenuto, i dialoghi non banali (come solitamente il genere horror ci ha abituato), l’andamento che oscilla armonicamente fra l’orrore e l’umorismo grottesco. Non dispiacciono anche i trucchi vecchio stile (la computer graphic si affianca spesso e volentieri agli artigianali make-up e ai classici silicone-lattice).
Ricco di battute ironiche e di schizzi di sangue, coinvolgente e divertente, il film si distingue da prodotti analoghi per il crescendo di orrore e ironia, per l’ottima tensione, per la perfetta commistione di horror fantascienza e commedia.

Pubblicato su Cinema4Stelle

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Annunci

settembre 3, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Il divertimento è assicurato, e non è poco

    Commento di fantasy | settembre 4, 2010

  2. Con tante citazioni per la gioia dei cinefili. Sceneggiatura piena di sorprese…

    Commento di petrella | settembre 5, 2010

  3. Fanta-horror ben miscelato che tiene viva l’attenzione

    Commento di giusy | settembre 9, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: