Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Il rifugio”

2009: Le refuge di Francois Ozon

Più amato in patria che all’estero, il regista è noto per la sua poliedricità e per dividere i critici.

Anche Il rifugio, come la maggioranza dei suoi lavori, ha avuto accoglienze discordi: “Bel film, ricco di sensibilità, delicatezza e intelligenza” (L’Espresso), “…bravi gli attori anche quando non sanno scegliere le sceneggiature (Il Giornale), “Il risultato è un film che prende, che emoziona (Cineblog), “Un film complesso e sottile” (BestMovie), “La geometria drammaturgica perfettamente funzionante sulla carta sembra perdere forza e convinzione sullo schermo” Indie-Eye), “C’è molta poesia in questo lavoro, è ispirato, intenso…” (Livecity), “…nei lavori di Ozon c’è sempre qualche vizio di forma e anche in questo caso le forzature narrative e gli stereotipi non mancano” (FilmUp).

Un lavoro che merita certamente d’essere visto ma che non soddisfa pienamente. Eccessivo il distacco della regia dal tema che tratta, regia asciutta e secca come raramente accade. Lo spettatore stenta ad immedesimarsi nella storia raccontata, scarso il coinvolgimento, poche le emozioni. Al centro della vicenda è un personaggio femminile che, pur apparendo al contempo fragile ma deciso, rimane un mistero per tutta la narrazione: nulla sappiamo di lei, non conosciamo le sue idee, le sue aspirazioni, le sue problematiche. La cosa ha sicuramente un certo fascino  ma ci impedisce di essere compartecipi: osserviamo freddamente quanto le accade, siamo osservatori neutrali e nulla più. Lascia interdetti anche il rapporto che la protagonista ha col suo essere incinta (l’essere incinta dovrebbe essere il motore dell’intera storia). Isabelle Carré lo era veramente durante le riprese e le cronache ci dicono che François Ozon la frequentava assiduamente per scoprirne le emozioni e le sensazioni. Ebbene, mi sembra che nel film ciò con traspari. A parte rare eccezioni, per tutta la durata del film l’essere incinta non sembra il problema fondamentale. Abbiamo una donna infelice, fondamentalmente sola: se non stesse per diventare madre poco cambierebbe.

Bello, coraggioso e anticonformista (visto i tempi che corrono…) l’inaspettato finale, finale per cui Micromega ha scritto “Se in Italia la sinistra ufficiale ha preferito cedere alla destra e al Vaticano sulle questioni relative alla maternità e famiglia, adottandone di fatto pregiudizi e miopie, un film come Il rifugio dimostra con una semplicità sconcertante che almeno in certi ambiti del cinema francese è possibile pensare su queste problematiche in forme autonome e libere da qualsivoglia preconcetto ideologico” . Concordo in pieno.

Nota di merito per i protagonisti. L’interpretazione di Isabelle Carré è veramente notevole, convincente e ‘in parte’ l’esordiente Louis-Ronan Choisy (cantante e compositore).

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Advertisements

agosto 28, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

4 commenti »

  1. Chi ama il cinema “impegnato” ha pane per i suoi denti…

    Commento di waksman | agosto 30, 2010

  2. Apprezzo il cinema francese ma questo film l’ho trovato noioso (bello però il finale)

    Commento di laura | agosto 31, 2010

  3. Un film che concede pochissimo agli spettatori, mai un Ozon così freddo

    Commento di salvatore | agosto 31, 2010

  4. Dove sono i problemi che una ragazza-madre deve affrontare?

    Commento di siriah | settembre 3, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: