Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“La doppia ora”

2009: La doppia ora di Giuseppe Capotondi

Presentato al Festival di Venezia, ha fatto -a mio parere inaspettatamente- incetta di premi.

Il quarantunenne Giuseppe Capotondi è alla sua prima regia: le qualità tecniche non gli mancano ma il suo mi sembra un prodotto in cui le pecche superano i pregi. C’è una buona idea di fondo (…che non è il caso di rivelare) ma la sceneggiatura, nel suo complesso, lascia a desiderare. Varie incongruenze, comportamenti non motivati, personaggi non sempre plausibili, sequenze inutilmente allungate a dismisura, ritmo non esaltante… contribuiscono a rendere questo La doppia ora un’opera non riuscita.

Il film, un mix di noir thriller melo, ha entusiasmato la critica (tra gli altri, Roberto Pugliese ha scritto: avvincente thriller psichico a scatole cinesi, che declina senza remore alcune referenze importanti quanto variegate, da Hitchcock a Polanski, dal Kieslowski di “La doppia vita di Veronica” al Lynch di “Twin Peaks” sino (soprattutto per una certa costruzione della suspense) allo Zemeckis di “Le verità nascoste”, ma che scintilla di luce propria…”): personalmente non ne sono rimasto coinvolto. L’ho trovato un puro esercizio intellettualistico col suo giocare tra apparenza e realtà, confuso  e artificioso con i suoi slittamenti spazio-temporali, scarsamente emozionante nei suoi virtuosismi formali. Non mi ha convinto la strapremiata protagonista. Kseniya Rappoport è un’ottima attrice ma qui non è aiutata da una personaggio che la trama (trama che richiama alla lontana La donna del ritratto di Fritz Lang) vorrebbe pieno di sfaccettature ma a cui la regia impone di avere continuamente la stessa espressione stralunata, dall’inizio alla fine: mai un cambiamento, una diversa sfumatura per una figura che dovrebbe indurre lo spettatore a dubbi e interrogativi.

p.s.

Paolo D’Agostini, su Repubblica, pur elogiando il film, ha scritto: “Capotondi ha il difetto – forse da esordiente – del preoccuparsi troppo di avvertire: faccio un film «di genere» ma sono anch’io un «autore»”. Concordo.

scheda

Annunci

agosto 18, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , ,

5 commenti »

  1. Io ho trovata buona la mescolanza di realtà e finzione. Il film non è perfetto ma sicuramente interessante

    Commento di peet | agosto 19, 2010

  2. Uno dei pochi film italiani che ruota intorno alla protagonista (e continuamente ci chiediamo se sia una vittima o un carnefice…)

    Commento di giusy | agosto 19, 2010

  3. Mi è sembrato tutto un po’ inverosimile ma debbo riconoscere che è un film che si differenzia dalla nostra normale produzione

    Commento di ines | agosto 20, 2010

  4. Mi sono tanto annoiato…

    Commento di fabrizio | agosto 20, 2010

  5. Ero curioso di vederlo vista la reclame che c’è stata. A mio parere, artefatto e scontato

    Commento di moviemovie | agosto 21, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: