Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Alibi e sospetti”

2008: Le grand alibi di Pascal Bonitzer

Ennesima conferma del pessimo rapporto tra Agatha Christie e il cinema.

Salvo un paio di rari casi (Assassisinio sull’Orient Express e soprattutto quell’autentico capolavoro che è Testimone d’accusa) alla grande scrittrice inglese è capitata la stessa sorte di Stephen King che il grande schermo ha molto sfruttato per opere tutt’altro che degne (anche nel caso del romanziere americano abbiamo solo un paio di titoli validi, Shining e Dolores Claiborne). Il cinema ha tradito i due celebri e celebrati scrittori, incapace di riprodurne l’atmosfera, lo stile, la tensione, il coinvolgimento… il talento.

Uno degli ultimi esempi di scempio è proprio questo Alibi e sospetti (preferibile il titolo originario) che Pascal Bonitzer (illustre critico dei «Cahiers du Cinéma», sceneggiatore preferito di Jacques Rivet, qui alla sua seconda regia) ha tratto da Poirot e la salma del 1946, rimaneggiandolo completamente (la figura del celebre investigatore è scomparsa, l’ambientazione è nella Francia di oggi). Il cast è buono, la messinscena elegante… ma nulla più. La suspense è totalmente assente, il colpo di scena finale è presentato frettolosamente e senza sufficienti spiegazioni, la curiosità dello spettatore per sapere la verità sul mistero indagato non è richiesta. Sicuramente al regista il romazo della Christie non interessava come «giallo»: vi ha visto un pretesto per fornirci un affresco della moderna borghesia, con le sue inquietudini le sue paranoie le sue meschinerie. Il risultato è però tutt’altro che soddisfacente: Bonitzer non è riuscito a dare autenticità ai suoi personaggi che appaiono artefatti e non credibili (con l’aggravante spesso di comportamenti non motivati). E così Alibi e sospetti scontenta sia gli amanti del trhiller sia quanti dal grande schermo pretendono un plausibile ritratto della società odierna in cui potersi rispecchiare.

scheda

Annunci

agosto 16, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , ,

4 commenti »

  1. Il film non mi ha entusiasmato ma il tuo giudizio mi sembra un po’ troppo severo

    Commento di nino | agosto 18, 2010

  2. L’ho trovato poco emozionante e troppo “calligrafico”

    Commento di giada | agosto 18, 2010

  3. D’accordo con la recensione, e con il calligrafismo citato anche nei commenti. Consiglio di rivedere i tre migliori film tratti da Agatha Christie: “Testimone d’Accusa” del maestro Wilder, “Assassinio sull’Orient-Express” di Lumet, e la versione di “Dieci Piccoli Indiani” diretta da Renè Clair.

    Commento di il cineocchio | agosto 18, 2010

  4. Se si riesce a sopportare l’ atmosfera fredda e sonnolenta tipica del cinema francese, il film é godibile. Un altro film che ha trattato degnamente l’opera di Stephen King da cui é tratto é “Unico indizio la luna piena”.

    Commento di wwayne | gennaio 29, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: