Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Il Bounty”

1984: The Bounty di Roger Donaldson

Il terzo film dedicato al più famoso ammutinamento della storia.

La vicenda aveva ispirato Jules Verne con I ribelli del Bounty (Les Révoltés de la Bounty, 1879) e cinematograficamente era stata già raccontata nel 1932 (La tragedia del Bounty di Frank Lloyd, con Clark Gable e Charles Laughton) e nel 1962 (Gli ammutinati del Bounty di Lewis Milestone, con Marlon Brando e Trevor Howard) e si ispira a fatti realmente accaduti: The Bounty storicamente è il più attendibile.

Presentato al 37° Festival di Cannes non ha ricevuto buone accoglienze da parte della critica: “…che bisogno c’era di un altro Bounty? Chiedetelo a De Laurentis” (Magazine italiano tv); “…convenzionale, illustrativo e, tolte due o tre scene, un po’ moscio” (il Morandini). Giudizi, a mio parere, ingenerosi.

L’australiano Roger Donaldson in passato si era specializzato nello studio della fotografia e nella realizzazione di documentari, esperienza che ha prodotto ottimi frutti vista l’abilità con cui il regista ritrae il mondo che qui ci rappresenta. Ma Il Bounty, fortunatamente, non è solo uno spettacolo splendido visivamente. Qualche lieve concessione al folklore e all’esotico c’è, ma ciò che lo caratterizza è l’accento posto sui personaggi, sulle loro psicologie, sulle loro contraddizioni… Personaggi di cui si analizzano sentimenti aspirazioni dubbi tormenti… e che appaiono quindi veri e reali, non semplici macchiette al servizio dello spettacolo. Intelligentemente Donaldson e lo sceneggiatore Robert Bolt non prendono posizione nel contrasto tra i due protagonisti lasciando al pubblico il giudizio su quanto debba prevalere il senso di disciplina e quanto il senso di umanità. Un film pertanto non semplicemente epico o avventuroso: abbiamo l’efficace rappresentazione di un drammatico conflitto tra due antitetiche mentalità che coinvolge e colpisce emotivamente, spingendo noi spettatori a prendere posizione e a mettere in discussione la nostra personale visione di vita.

Il cast è di prestigio. Anthony Hopkins giganteggia col suo enorme talento mettendo in luce -con la solita maestria- aspetti odiosi e positivi del suo personaggio. Mel Gibson è un po’ in ombra e non possiede certo il carisma dei due illustri predecessori che hanno ricoperto lo stesso ruolo. S’impongono, pur se in ruoli secondari, gli allora semisconosciuti Liam Neeson e Daniel Day-Lewis e naturalmente Sir Laurence Oliver

scheda

premi e riconoscimenti

Annunci

agosto 10, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

7 commenti »

  1. L’unico “Bounty” che vede protagonista l’introspezione psicologica e quindi da apprezzare

    Commento di floriana | agosto 11, 2010

  2. Un bel film d’avventura ma non solo…

    Commento di giuliano | agosto 11, 2010

  3. Si sente la mancanza del grande Marlon, comunque il film è meritevole d’essere visto

    Commento di garrulus | agosto 12, 2010

  4. Eh sì, Marlon era un’altra cosa, per fortuna qui c’è Hopkins (come al solito bravissimo)

    Commento di fornaro | agosto 12, 2010

  5. Non amo molto il genere ma questo è un film che rivedo sempre volentieri: immagini bellissime, contenuto non banale

    Commento di eligio | agosto 13, 2010

  6. Mi piace

    Commento di alp2000 | agosto 14, 2010

  7. Il film è ben fatto. Unica pecca a mio parere: poco approfondito il desiderio di libertà del personaggio interpretato da Mel Gibson

    Commento di ylenia | agosto 16, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: