Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“A casa per le vacanze”

1995: Home for the Holidays di Jodie Foster

Inspiegabilmente critica e pubblico Americano non hanno gradito, in Italia le cose sono andate meglio (Il Corriere della Sera ha parlato di “film godibile”, Film.tv.it di “commedia familiare acuta e intelligente come la sua regista”, Repubblica di “lavoro divertente, acuto, ben scritto”).

Il Thanksgiving Day (Giorno del Ringraziamento) ricorda i Padri Pellegrini e il loro arrivo nel nuovo mondo nel 1620. Si festeggia l’ultimo giovedì di novembre. La tradizione vuole che i membri di una famiglia, anche se vivono molto distanti, si riuniscono in casa di qualche vecchio parente per ringraziare tutti insieme per ciò che possiedono: tacchino, mais, patate, zucche e salsa di mirtilli (secondo la leggenda, i cibi che mangiarono i primi coloni) riempiono tutte le case. Il Thanksgiving Day è senz’altro la festa più tradizionale e sentita degli Stati Uniti, da qui l’importanza che spesso Hollywood le ha attribuito in tanti suoi film. A casa per le vacanze rientra nel filone delle opere che mostrano genitori figli parenti incontrarsi-scontrarsi il Giorno del Ringraziamento. La chiave scelta verte più sulla commedia grottesca che sul dramma ma ciò non toglie intensità e profondità a un lavoro che evidenzia la bravura come regista di quel mostruoso talento che è Jodie Foster.

Brio e ritmo a profusione, encomiabile cura nella messinscena, rifiuto di retorica e facile sentimentalismo, colonna sonora da plauso, dialoghi arguti e mai banali… caratterizzano un film che vede riunito uno splendido complesso di attori, alcuni celebri altri meno… ma tutti da applaudire senza riserve.

Tratto da un racconto di Chris Radant, A casa per le vacanze ha anche il pregio di essere un accattivante omaggio alla tolleranza e alla comprensione nonché un invito (quanto mai attuale) a privilegiare i valori essenziali ponendo in secondo piano i beni di consumo.

p.s.

Un plauso incondizionato ai bravissimi doppiatori, doveroso ricordarne i nomi:

scheda

Annunci

maggio 16, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Un buon film che si fa apprezzare soprattutto per l’ottimo cast (sui doppiatori hai proprio ragione)

    Commento di petrella | maggio 17, 2010

  2. Divertente ma non stupida questa analisi di una tipica famiglia americana, si sorride ma non banalmente

    Commento di nino | maggio 18, 2010

  3. Non pensavo che la Foster fosse così brava anche come regista… un film da vedere

    Commento di lina | maggio 20, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: