Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“John e Mary”

1969: John and Mary di Peter Yates

Gli ingredienti perché il risultato fosse un film notevole c’erano tutti.

Un valido regista; due formidabili interpreti (giovanissimi, appena reduci da due successi stratosferici come Il Laureato e Rosemry’s Baby); un ottimo romanzo a base della sceneggiatura… Eppure John e Mary appare sostanzialmente un’occasione mancata. Interessante come documento d’epoca (battute e situazioni rispecchiano il clima del 68) e come analisi della carriera di due divi carismatici, ma nulla più. Il film è statico e pesante (a tratti fa capolino la noia), eccessivamente verboso, volutamente e fastidiosamente intellettualistico. Chiara l’intenzione di non delineare una semplice storia d’amore ma di fornire un affresco delle inquietudini e delle problematiche giovanili, un quadro delle difficoltà di comunicare e di rapportarsi agli altri, un ritratto della solitudine che attanaglia tanti di noi: ma il tutto appare inconsistente e a tratti superficiale… per non parlare del rovinoso finale che trascina il lavoro proprio nella banale love-story che si voleva evitare.

Mia Farrow è luminosa e accattivante più che mai ma il suo personaggio appare lacunoso, poco approfondito e dalle motivazioni piuttosto nebulose. Più interessante il personaggio interpretato, con la consueta perfezione, da Dustin Hoffman (che colpo sentirlo doppiare da Luigi La Monica e non dal mitico Ferruccio Amendola…): più vero, più problematico nelle sue tante sfaccettature.

p.s.

Interessante quanto scritto da Tullio Kezich  (Il Mille film. Dieci anni al cinema 1967-1977, Edizioni Il Formichiere): “Un anno fa, esattamente il 7 febbraio, Time pubblicò in copertina la coppia del cinema americano per la nuova decade: Dustin Hoffman e Mia Farrow, i due attori di maggior avvenire nel terremotato firmamento di Hollywood. La previsione nasce da un calcolo aritmetico molto semplice: Il Laureato, film con cui Hoffman ha esordito nel cinema, ha introitato finora sul mercato USA-Canada oltre 43 milioni di dollari, quasi 30 miliardi di lire, ed è il terzo incasso assoluto di tutti i tempi; Rosemary’s Baby, prima sostanziosa affermazione dell’ex moglie di Frank Sinatra, si è subito imposto fra i 40 maggiori campioni del boxoffice. Perciò era inevitabile che i due attori venissero affiancati in un nuovo film, John e Mary, diretto dall’inglese Peter Yates (che per conto suo, con Bullitt, si è piazzato al terzo posto nella graduatoria d’incasso del 1969); anche se, come scriveva Time, «una volta ci voleva mezza carriera per ottenere l’accoppiamento di James Stewart con June Allyson o di Spencer Tracy con Katharine Hepburn»”.

scheda

premi e riconoscimenti

Annunci

maggio 11, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , ,

4 commenti »

  1. Al passaggio televisivo l’ho perso ma lo vidi al cinema (tanto tanto tempo fa…): ne ho un buon ricordo.

    Commento di garrulus | maggio 12, 2010

  2. Eh sì, Hoffman con quella voce fa veramente impressione. Mi mancava nella sua filmografia (sono un suo appassionato fan)

    Commento di fabrizio | maggio 13, 2010

  3. Mi è sembrato un film senza personalità. deludente

    Commento di lina | maggio 15, 2010

  4. Film gradevolissimo. Non all’altezza di altri “must” di Dustin (“Il laureato” , “Cane di Paglia”) , ma godibilissimo. Mia Farrow deliziosa. Titolo che non può mancare nella filmografia di chi, come me, adora Dustin

    Commento di scomby65 | gennaio 4, 2013


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: