Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Cosa voglio di più”

2010: Cosa voglio di più di Silvio Soldini

Critica per lo più entusiasta per questo lavoro presentato in anteprima all’ultimo Festival di Berlino:

“Soldini si conferma un artista coi fiocchi” (Il Giornale), “Un bel film” (La Stampa), “Stranissimo bellissimo film” (L’Unità), “Bellissimo film” (Il Corriere della Sera).

Silvio Soldini ha realizzato almeno tre dei più bei film italiani degli ultimi anni (Pane e tulipani, Le acrobate, Giorni e nuvole) ma questa volta non appare all’altezza dei suoi prodotti del passato.

Cosa voglio di più è sicuramente un film che merita attenzione e conferma le ottime doti del regista (abile utilizzo della macchina da presa, sensibilità raffinata, ottima conduzione degli attori…) ma presenta notevoli difetti che ne inficiano la qualità. Innanzitutto è eccessivamente e inutilmente lungo (quanto viene raccontato non merita la durata di 121 minuti). L’importanza data a personaggi secondari e a episodi marginali non è giustificata dalla narrazione e se ne poteva (doveva) fare a meno: distraggono, disturbano… finiscono col dare l’impressione di riempitivi e di corollari tutt’altro che necessari. Soprattutto ciò che non soddisfa è il ritratto dei due protagonisti al cui comportamento non si dà alcuna motivazione e impedisce allo spettatore di essere compartecipe del loro dramma. Protagonisti che non attirano la nostra simpatia, non ci sentiamo vicini, non ci coinvolgono -(1)-. Giustamente Lietta Tornabuoni, su L’Espresso, dà un giudizio negativo sull’impostazione data ai personaggi: “Non sono persone del mondo in cui viviamo… Sono stereotipi, adottati per giustificare e mandare avanti la storia”. Mariuccia Costa, su Il Manifesto, parla addirittura di “corpi senza anima”.

Ciò che valorizza Cosa voglio di più è la prestazione veramente notevole dell’intero cast: tutti bravissimi, tutti impegnati al massimo. Un plauso particolare ad Alba Rohrwacher, sempre eccezionale in tutto quanto ha finora fatto ma che qui supera se stessa: una interpretazione, la sua, che sarà ricordata a lungo.

note

-(1)-

Si faccia il confronto con I ponti di Madison County, film, come questo, che tratta l’argomento del «tradimento»: all’inizio c’è una piccola grande scena che vede Meryl Streep dare la colazione alla sua famiglia; dura pochi minuti… ma rivela tutto un mondo dietro la protagonista che spiega e motiva quanto avverrà dopo.

scheda

sito ufficiale

maggio 2, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , ,

7 commenti »

  1. Effettivamente non si capisce perché il buon Soldini abbia allungato a dismisura una storia non certo originale e piuttosto squallida. Un film non entusiasmante, talento sprecato.

    Commento di dubius | maggio 3, 2010

  2. Lento e noioso ma lei è bravissima…

    Commento di lorenzo | maggio 3, 2010

  3. L’ho visto con amici che l’hanno giudicato scontato e lento… eppure io mi sono lasciata coinvolgere ed emozionare

    Commento di laura | maggio 5, 2010

  4. Dopo un’ora la tentazione era di alzarmi e andarmene, non l’ho fatto e me ne pento

    Commento di fabrizio | maggio 5, 2010

  5. Spiacevolmente sorpresa. Ammiro molto Soldini ma questa volta “ha toppato”

    Commento di zazie | maggio 8, 2010

  6. Non sembra realizzato dallo stesso regista del bellissimo “Giorni e nuvole”.

    Commento di nino | maggio 12, 2010

  7. Un film che rasenta il ridicolo nella sua banalità… Da sconsigliare assolutamente

    Commento di giulinofox | maggio 16, 2010


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: