Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Agora”

2009: Agora di Alejandro Amenabar

Presentato fuori concorso all’ultimo Festival di Cannes, ha diviso la critica.

“Un film insolito” (Il Giornale), “Una produzione grandiosa e spettacolare ma poco emozionante” (Variety), “Non c’è sviluppo, non c’è tensione” (El Mundo), “Un film senz’altro riuscito” (La Stampa), “Molto bello, un raro esempio di film spettacolare e speculativo al tempo stesso” (L’Unità), “Il film, malgrado le «inquadrature cosmiche» e le sontuose scenografie, resta confuso, intellettualistico e hollywoodiano insieme” (Il Messaggero).

Alejandro Amenabar (“un talento innato per il cinema”, MyMovies) ci ha ormai da tempo abituato a veri e propri gioielli, giustamente esaltati dalla critica e super premiati dal pubblico (basti pensare a Apri gli occhi, The Others, Mare dentro). Dopo una lunga pausa ritorna dietro la macchina da presa (sua anche la sceneggiatura) con questo Agora che in Spagna ha fatto scalpore e ha trionfato al botteghino e ai Goya (i premi più prestigiosi per la cinematografia iberica).

Nel VII libro della “Storia Ecclesiastica” di Socrate Scolastico (V secolo d.C.) leggiamo: Ipazia, anima della Biblioteca di Alessandria, “era giunta a tanta cultura da superare di molto tutti i filosofi del suo tempo, a succedere nella scuola platonica riportata in vita da Plotino e a spiegare a chi lo desiderava tutte le scienze filosofiche. Per questo motivo accorrevano da lei da ogni parte tutti coloro che desideravano pensare in modo filosofico”. E’ questa celebre figura, vera e propria martire della libertà di pensiero, la cui uccisione da parte dei Cristiani fu definita dalla storico inglese Edward Gibbon “una macchia indelebile”, la protagonista di Agora: ma il film pur celebrandone l’importanza non vuole essere una pura e semplice biografia. E’ piuttosto un poderoso affresco di un’epoca e di una mentalità di cui poco si parla, un ritratto intenso e profondo delle nostre origini che molti di noi preferiscono non ricordare o ignorare. Una decisa e non diplomatica analisi della religione, della “religione -scrive giustamente Mariuccia Ciotta- come pretesto di sopraffazione, come ora, al servizio del potere”. Ha coraggio da vendere Amenabar: “niente male in tempi in cui definirsi laico, ateo o solo agnostico sembra essere diventata una colpa pubblica e privata” (Boris Sollazzo).

Il film non è esente da difetti: il personaggio principale risulta un po’ monocorde, un certo squilibrio tra la prima parte (molto spettacolare e movimentata) e la seconda (più statica e con meno mordente), qualche lieve caduta nella retorica che si poteva evitare (i cattivi vestiti di nero…), una durata che appare eccessiva… Ma Agora è un lavoro che merita d’essere visto, innanzitutto per le indubbie notevoli qualità esteriori: bellissima ricostruzione, fotografia smagliante, scene di massa ottimamente orchestrate e riprese (la sequenza dell’assalto alla Biblioteca è una delle più belle che il grande schermo ci abbia mostrato negli ultimi tempi), cast diretto mirabilmente… Ma è degno d’attenzione soprattutto per la sua denuncia contro ogni forma di intolleranza e di fanatismo. Non un semplice kolossal, ma un film attualissimo che induce noi occidentali a un profondo esame di coscienza. Un film che suscita salutari polemiche e riflessioni, che non può non scuotere e porci tanti interrogativi sulla nostra storia e sul nostro presente.

Un plauso particolare alla protagonista. Rachel Weisz (premio Oscar per The Constant Gardener) ha personalità e fascino e mostra, ancora una volta, un notevole talento (sebbene alle prese con un personaggio a cui regia e sceneggiatura offrono poche sfaccettature). Di rilievo anche la performance del giovane Max Minghella, intenso e variegato nel ruolo complesso dello schiavo Davus, diviso tra amore e religione.

scheda

sito ufficiale

premi e riconoscimenti

aprile 25, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , ,

8 commenti »

  1. Un aspetto della storia cristiana di cui si parla troppo poco: bravo Amenabar!

    Commento di pina | aprile 26, 2010

  2. So che il film ha corso il rischio di non essere distribuito in Italia: ma siamo a questo punto?

    Commento di stella | aprile 26, 2010

  3. Peccato che la figura principale intorno alla quale tutto ruota sia così monodimensionale e risulti quindi non interessante come dovrebbe… Comunque, un grande film

    Commento di giugaro | aprile 27, 2010

  4. Un discorso critico molto coraggioso sul fanatismo religioso… Spero che il film lo vedano in molti, ce n’è bisogno

    Commento di goad | aprile 27, 2010

  5. Dopo sei anni dal suo ultimo successo, Amenabar ritorna alla grande con un’opera giustamente polemica. Potrà non piacere ma è da non perdere. Un film sul passato che ci illumina sul nostro presente…

    Commento di garrulus | aprile 28, 2010

  6. In una intervista Umberto Eco ha detto “Un film bellissimo, assolutamente da vedere”: concordo.

    Commento di loriana | aprile 29, 2010

  7. Sicuramente un film che fa riflettere e discutere… e di questi tempi ce n’è proprio bisogno!

    Commento di lorenzo | aprile 30, 2010

  8. Stella, sì: in Italia siamo proprio a questo punto! C’è stata anche una petizione che per mesi ha raccolto firme per ottenere la distribuzione del film… solo per questo bisognerebbe in massa andare a vederlo!

    Commento di giorgina | maggio 3, 2010


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: