Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“The Weather Man”

2005: The Weather Man di Gore Verbinski

“Un film tutt’altro che banale -ha scritto Repubblica- tinto di un’amarezza esente da autocommiserazione, capace di mantenersi in equilibrio tra dramma, comico e grottesco”.

Le ultime stagioni mostrano il rinnovato impegno della cinematografia americana. Non solo si mettono in discussione la politica statunitense e il suo ruolo sullo scenario mondiale ma si afferma a chiare note come la vita nella Superpotenza non sia più la stessa.
L’american dream sembra entrato in crisi irreversibile e un malessere sotterraneo appare ormai parte integrante di una società in cui tutti si mostrano insoddisfatti della loro vita (e questo nonostante i traguardi raggiunti e gli agi della ricchezza).
In America si vive male, insomma: questo il messaggio del film che denuncia senza mezzi termini l’irrisorietà e la superficialità del mito del successo e di una società che si ostina a propagandare questo come valore sommo e unico, un società in cui ogni individuo ha la drammatica necessità di emergere, una società che vede nella realizzazione personale l’unico riferimento valido per la misura di un uomo.
Il protagonista è l’uomo delle previsioni. Chiara la metafora: come il tempo, la vita è imprevedibile. “Tutte le persone che avrei potuto essere –dice la voce fuori campo- si sono assottigliate e alla fine si sono ridotte ad una sola ed è quello che sono: l’uomo delle previsioni”. Un prodotto consumato velocemente, che può essere anche buttato via: come il cibo dei fast food, perennemente presente.
Una commedia (amara e intimista, a volte surreale e imprevedibile) giocata nei modi del monologo interiore, una trama che poteva facilmente sbracare in continue gag fini a se stesse e che invece costituisce un perfetto equilibrio di dramma humour e grottesco. E ciò grazie anche a una sceneggiatura di notevole profondità, dovuta all’esordiente Steven Conrad (anche coproduttore) e a una regia priva di qualsiasi forma di autocompiacimento: un regia lineare e sottotono a completo servizio del racconto e degli interpreti.
Interpreti da applaudire tutti senza riserve.
Nicolas Cage, dopo l’infortunio del pessimo Lord of War, ritorna ad essere il grande interprete che avevamo incondizionatamente lodato ne Il ladro di orchidee: una performance stilizzata, essenziale, senza sbavature, perfetta sia nell’esprimere il pathos che l’humour (basta vedere il contrasto tra lo sguardo di perenne afflizione e l’entusiasmo simulato nelle apparizioni televisive).
Michael Caine è semplicemente immenso e avrebbe meritato tutti i premi cinematografici a disposizione, un maestro nell’arte di mantenere fisso lo sguardo senza alcun battito di ciglia ed esprimere al contempo mille emozioni.
Da lodare infine la fotografia (piatta livida grigiastra, aderente al massimo alla narrazione) e la bellissima colonna musicale di Hans Zimmer, un misto di note reggae e di elettronica funzionale come raramente accade.
Il film di Gore Verbinski è in definitiva un lavoro che manda certamente un messaggio non consolatorio ma spinge intelligentemente lo spettatore a mettersi in gioco (rinnovando così la tradizione del cinema che preferiamo: quello che non ci costringe a lasciare a casa il cervello).

scheda

sito ufficiale

Annunci

aprile 16, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Michael Caine lo adoro… mi sembra che ultimamente i migliori films americani esprimano proprio questo disagio della società americana sempre più in crisi grazie al liberismo economico…

    Commento di iperio | aprile 17, 2010

  2. Meritevole d’essere visto ma un po’ angosciante…

    Commento di gianluca | aprile 17, 2010

  3. Una Chicago così bella e gelida non l’avevo mai vista… Grandi attori in un film che fa riflettere.

    Commento di abla | aprile 27, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: