Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Gli anni dei ricordi”

1995: How to Make an American Quilt di Jocelyn Moorthouse

La critica ufficiale si è alquanto divisa su questo film.

L’Unità parla di “melassa”, il Morandini lo giudica invece “garbato, gentile, ben recitato”. Per La Stampa è “aggraziato e intelligente”, per Il Corriere della Sera abbonda di “luoghi comuni”, per Tempi Moderni si contraddistingue per “delicatezza, sentimento e grande eleganza”.

Un film (ispirato al libro omonimo di Whitney Otto) tenero e delicato pensato appositamente per il pubblico femminile (è peraltro un raro esempio di lavoro tutto al femminile: donne sono la regista, la sceneggiatrice, la produttrice, l’autrice del romanzo da cui è tratto) ma che merita la visione anche di spettatori maschili capaci di apprezzare il buon cinema misurato e calibrato nonché curiosi di approfondire la conoscenza del pianeta donna.

La trama è semplice e complessa al contempo. Una studentessa universitaria alle prese con una tesi sui riti dell’artigianato femminile nelle culture tribali, indecisa se sposare o no il suo ragazzo, arriva d’estate nella casa di campagna della prozia. La casa è luogo di riunione di un gruppo di donne che, nella tradizione delle pioniere americane, realizzano in patchwork trapunte dette Quilt e si raccontano le proprie vite: si crea così, scrive Sebastiano Tecchio, “un singolare parallelo tra l’arte della tessitura di una trapunta e l’amore. Gli ostacoli che s’incontrano nella lavorazione di una coperta non sono così diversi da quelli affrontati dagli innamorati. In comune c’e’ la ricerca dell’armonia”.

Tante storie più o meno intrecciate in un continuo alternarsi di presente e passato per raccontare la vita con le sue mille sfaccettature, le sue gioie e i suoi dolori, gli errori, le scelte sbagliate, le aspettative più o meno realizzate . Ogni singola figura femminile è protagonista e racchiude un mondo in sé, un mondo che la regista scruta con pudore e rispetto, più attenta a capire che a giudicare, evitando ogni forma di banale sentimentalismo.

Gli anni dei ricordi diverte ed emoziona, coinvolge e ti rende immediatamente partecipe dell’azione trasformando i vari personaggi in nostri conoscenti di lunga data, personaggi in cui è impossibile non immedesimarsi.

Fotografia e colonna sonora contribuiscono a rendere maggiormente appetibile il lavoro dell’australiana Jocelyn Moorthouse che ha la fortuna di dirigere (e lo fa con maestria) un cast prestigioso che annovera tra i nomi più illustri della Hollywood dagli anni Cinquanta ai giorni nostri.

Da condividere in pieno quanto leggiamo su Expanded Cinemah: il film dipinge delle personalità femminili credibili ed intense (grazie anche alla bravura delle interpreti), evitando di essere femminista o autocompiaciuto, ma anzi mettendo in luce tanto la forza quanto la debolezza dell’animo femminile”.

p.s.

Gli anni dei ricordi è stata la penultima apparizione sul grande schermo di Jean Simmons, morta il mese scorso a 80 anni. La Simmons, inglese presto adottata da Hollywood, è stata una delle più famose attrici degli anni Cinquanta e Sessanta, tra le più amate ed apprezzate.

scheda

Annunci

febbraio 24, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Massimamente scorrevole, interpretato benissimo da tanti nomi famosi

    Commento di pina | febbraio 25, 2010

  2. Con cura e sensibilità la regista descrive l’amore nei suoi vari aspetti: tradimento, rimpianto, trionfo, delusione… Una carrellata più che interessante e senza ombra di sentimentalismi.

    Commento di streep | febbraio 27, 2010

  3. E’ uno di quei film che ti riconciliano con la vita, ti fanno sentire meglio dopo la visione. Non banale, non retorico… nonostante l’argomento. Un plauso alle tante splendidi attrici.

    Commento di dubius | marzo 4, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: