Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Ginger e Fred”

1985: Ginger e Fred di Federico Fellini

 

Ginger e Fred è il film migliore che sinora sia stato fatto sull’irrealtà in cui viviamo, codificata dalla Tv” scrive giustamente Giovanni Grazzini su Il Corriere della Sera. E Tullio Kezich precisa: è una denuncia del genocidio culturale perpetrato nella degenerazione del fenomeno televisivo, ma non solo. Non si tratta soltanto di un pamphlet contro la tv, ma contro tutta la società di oggi, una specie di Prova d’ orchestra Parte II” .

Che film profetico! Si stenta a credere che quasi trent’anni fa quel genio di Fellini avesse già capito tutto sul mondo della televisione e sull’ideologia consumistica. Se il film fosse girato oggi, non una virgola andrebbe cambiata.

Opera profondamente pessimista sull’evoluzione presa dalla nostra civiltà (“il mutamento mentale provocato dall’esplosione di una tv che ha per sola legge la tv”, La Stampa), Ginger e Fred non solo è un sarcastico atto d’accusa, ma anche una dolce e delicata storia d’amore che coinvolge ed emoziona, nonché un bellissimo omaggio alla coppia d’oro del cinema hollywoodiano e un accorato rimpianto di un mondo che non c’è più (un mondo certamente illusorio ma non «cafone» come l’attuale).

Visivamente splendido, condito da musiche che hanno fatto sognare più di una generazione, il film evidenzia inoltre la duttilità e il talento di due nostri mostri sacri, superiori a qualsivoglia elogio. Giulietta Masina e Marcello Mastroianni ridono piangono sognano ballano… con mille sfaccettature, mai un gesto di troppo, calibratissimi e misurati in ruoli in cui era facile strafare: eccezionali!

 

Personaggi strambi, stralunati, assurdi… contorniano i due protagonisti e costituiscono «il circo» umano a cui Fellini difficilmente rinuncia: nani, travestiti, mimi, culturisti, frati miracolosi, ammiragli, camorristi, attori e scrittori falliti e tromboni si muovono mirabilmente sotto la bacchetta magica di un grande del cinema, con ironia malinconia struggimento… Tutti al servizio dello «spettacolo» da vedere e godere e che mette al bando ogni riflessione e lavoro di pensiero mentre sporcizia povertà barboni drogati sbandati invadono tutto… tranne il mondo dorato della tv, una torre d’avorio isolata indifferente irresponsabile, amorale…

Ginger e Fredèil ritratto solo in apparenza deformato della società in cui viviamo” (Gian Luigi Rondi), polemico ma altamente poetico.

p.s.

Interessante il giudizio di Morando Morandini (Il Giorno): Quel che i settimanali in rotocalco erano stati ventisei anni fa per La dolce vita, il mondo della televisione con i suoi megashow è per Ginger e Fred. Non c’è dubbio che Fellini continui a essere se stesso: cantastorie, mago, illusionista, istrione, mistificatore, disposto a tutto pur di giocare le carte dello spettacolo, pur di celebrare la Rappresentazione, pur di suggerire che, nonostante tutto, la vita ha una sua dolcezza profonda, irrinunciabile […] Lo sguardo di Fellini mi sembra cambiato: s’è fatto più sconfortato. Se La dolce vita poté essere definito un viaggio attraverso il disgusto, Ginger e Fred è una traversata del mare della volgarità. E la volgarità è quella della televisione, del diluvio pubblicitario, della civiltà dei consumi”.

 

scheda

premi e riconoscimenti

Annunci

febbraio 22, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , ,

6 commenti »

  1. Che mostri di bravura Giulietta & Marcello! E che film attuale…

    Commento di giada | febbraio 22, 2010

  2. Uno dei pochi casi in cui un film italiano è stato osannato in tutto il mondo, una grandissima interpretazione di due nostri mostri sacri, una prova di come un genio sappia vedere davanti a noi…

    Commento di garrulus | febbraio 24, 2010

  3. Un film magico, un omaggio al mondo dello spettacolo di un tempo paragonato alla volgarità imperante dell’oggi

    Commento di laura | febbraio 24, 2010

  4. Malinconia e ironia miscelate perfettamente in un vero e proprio capolavoro

    Commento di lorenzo | febbraio 25, 2010

  5. Fellini, un genio, uno dei più grandi registi che il cinema abbia avuto

    Commento di streep | febbraio 28, 2010

  6. Tre grandi nomi tutti scomparsi… quanto ci mancano

    Commento di eligio | maggio 27, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: