Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Parigi”

2008: Paris di Cédric Kaplisch


Benché alcuni critici abbiano dato un giudizio piuttosto negativo, Paris è una delle migliori commedie corali apparse negli ultimi anni.

Un girotondo di storie e di figure dall’accattivante umanità ognuna colta in un breve momento della sua vita ma capace di farne emergere il carattere, di fissarne per un attimo una debolezza o una inaspettata risorsa(Corriere della Sera) e che illustrano al meglio le varie caratteristiche della capitale francese (splendidamente fotografata da Christophe Beaucarne, senza enfasi ma non senza amore”, Marianna Cappi).

Assoluta mancanza di retorica, niente «cartoline» né folclore in questo perfetto miscuglio di momenti drammatici e situazioni ironiche (sempre equilibrati, mai in eccesso sia nell’uno che nell’altro campo).

Un film complesso e semplice al contempo, malinconico e divertente, scorrevole, sempre piacevole e interessante.

Un campionario di umanità, ogni personaggio un microcosmo con la sua psicologia  il suo mondo la sua diversità, “persone reali nella loro quotidianità” (Anastasia Mazzia) che in fondo si possono incontrare in qualsiasi città e in cui è impossibile non riconoscersi e immedesimarsi. E il tutto ritratto in modo sincero-veritiero-affettuoso da un Cédric Klapisch in gran forma, regista di culto dopo lo straordinario successo del suo L’appartamento spagnolo (2002), specializzatosi ormai nel dirigere con maestria “commedie leggere che raccontano l’amore per la vita, tra frustrazioni e speranze collettive” (MyMovies) e che questa volta pone l’accento forse più sul lato cupo che lieve della vita.

Un film che risulterebbe perfetto se non fosse per le perplessità destate nello spettatore dall’irrisolto personaggio dell’ammalato Pierre che, nelle intenzioni del regista, nell’immaginare la propria morte all’improvviso dà un nuovo significato alla sua vita, alla vita degli altri, e alla vita dell’intera città: a lui “spetterebbe il compito di far sbocciare lo sguardo metaforico e malinconico su Parigi, ma così non avviene, poiché si opprime troppo la sua figura lasciandola quasi a vegetare in attesa della morte. Pierre rappresenta troppo scopertamente «il discorso del film» e, allo stesso tempo, si dimostra assolutamente «inutile» al film stesso” (Alessandro Aniballi).

Da applauso l’intero cast, non accade spesso vedere uno stuolo di attori uno più bravo dell’altro e che sarà difficile dimenticare: si distinguono il «il professore» Fabrice Luchini e naturalmente Juliette Binoche (brava, tenera, luminosa come non mai… è possibile non innamorarsi di lei?).

scheda

sito ufficiale


febbraio 8, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

4 commenti »

  1. Tutti gli aspetti della vita in questo microcosmo acutamente analizzato, impossibile non rimanervi coinvolto. Cast sopraffino.

    Commento di giannaflower | febbraio 8, 2010

  2. E’vero… impossibile non innamorarsi di Juliette!

    Commento di rederik | febbraio 9, 2010

  3. Delicato e ironico, malinconico e piacevole… un bellissimo ritratto ambientale e psicologico

    Commento di gianfrancosplit | febbraio 10, 2010

  4. Un film da vedere e gustare, un affresco attuale del mondo contemporaneo

    Commento di fantasy | febbraio 27, 2010


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: