Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Thank you for smoking”

2005: Thank You for Smoking di Jason Reitman


Grande entusiasmo per questo film al festival di Toronto e al Sundance. E pari entusiasmo da parte della critica di tutto il mondo.

In effetti molti sono i lati positivi di questa opera prima di Jason Reitman (figlio d’arte, il padre è Ivan Reitman, famoso per Ghostbusters). Ad iniziare dagli splendidi titoli di testa (modellati sulle marche più famose di sigarette), al ritmo brillante ma non deleteriamente vorticoso, all’ottima prestazione dell’intero cast (Aaron Eckart è mirabile nel rendere accattivante un personaggio odioso, in bilico tra il suo ruolo di difensore ufficiale di questioni moralmente discutibili e il tentativo di essere un modello per il figlio), alle continue argute e spiritose battute, alle situazioni simpaticamente paradossali che ci vengono presentate. Un ironico (e feroce) ritratto della società contemporanea dove il dio danaro la fa da padrone; dove l’apparenza è tutto; dove non conta la verità ma il potere di convinzione e il modo persuasivo in cui i fatti sono presentati; dove una buona dialettica può giustificare qualsiasi azione; dove la realtà è manovrabile e falsificabile a seconda degli interessi in gioco.

Una versione comica di Insider (lo splendido e drammatico atto d’accusa del 2000 contro le multinazionali del tabacco), una versione particolare e cinica del sogno americano, un lavoro al contempo divertente e originale che ci illumina su come vanno le cose nel mondo, e in tutti i campi, dall’industria alla politica (in una scena è inquadrato un cartello che dice più o meno «abbiamo il miglior governo che possiamo pagare»).

Non è facile unire umorismo e intelligenza, Thank you for smoking vi riesce pienamente.

Nonostante le apparenze, l’opera di Reitman (tratta dal romanzo satirico di Christopher Buckley del 1994) non è propriamente una pellicola sulle sigarette (non si vede mai qualcuno che fuma…) quanto una molteplice sfaccettata denuncia: della falsità delle corporazioni varie ma anche delle crociate isteriche che terrorizzano e impediscono di ragionare con la propria testa.

Un appello alla libertà di scelta, questo il vero messaggio del film.

Pubblicato su Cinema4Stelle

scheda

premi e riconoscimenti

sito ufficiale

Advertisements

gennaio 3, 2010 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

4 commenti »

  1. un film che mi ripropongo sempre di vedere, ma che tra una cosa e l’ altra mi lascio sempre sfuggire ç_ç

    Commento di *Asgaroth | gennaio 3, 2010

  2. Un film veramente delizioso, una bella denuncia dell’ipocrisia regnante

    Commento di bettina | gennaio 4, 2010

  3. Una sagace satira delle contraddizioni della società moderna con un cast da plauso. Da vedere

    Commento di garrulus | gennaio 6, 2010

  4. Non sai se lodare maggiormente i titoli di testa, la recitazione, la sceneggiatura… Ottimo film, acuto e ironico

    Commento di giulinofox | gennaio 6, 2010


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: