Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“L’ospite inatteso”

2007: The Visitor di Thomas McCarthy


Uno dei lavori più interessanti degli ultimi anni, pluripremiato (Brisbane International Film Festival, Deauville Film Festival, Moscow International Film Festival, National Board of Review USA…).

Giustamente tutta la critica lo ha elogiato:
Repubblica: Un delicato apologo. Senza retorica, senza proclami che le persone normali non si possono permettere…
Il Giornale: Toccante, tenero dramma sull’amicizia, che si scaglia con furore, temperato dal sarcasmo, contro l’ottusità delle leggi sull’immigrazione, amplificata dalla fobia anti-araba del dopo 11 settembre… Un gran bel film con un eccellente Richard Jenkins.
Il Corriere della Sera: Richard Jenkins, fantastico, finissimo attore… Hiam Abbas, nel ruolo della madre, è una presenza quasi magica.
La Stampa: Scrittura e regia eccellenti del quasi novizio Tom McCarthy e al centro un attore formidabile finora sottovalutato, Richard Jenkins.
Ciak: Richard Jenkins, il cui volto è di gran lunga più noto del suo nome, merita la nomination all’Oscar.
Liberazione: …Hiam Abbass, di una bravura unica quanto la sua bellezza.
FilmUp: …un’attrice magnifica di bellezza rara e classica come Hiam Abbass.
Il Messaggero: …se vedete un solo film americano in un anno questo potrebbe essere quello giusto.
Cinefile.biz: Un film che sa riconciliare col cinema, con la voglia di sedersi di fronte a un grande schermo.

Qualcosa veramente sta cambiando in America: ne è la prova questo film che, contro tutte le previsioni, ha ottenuto uno straordinario successo al box-office pur ricordando che il sogno americano non riesce ormai a mantenere le sue promesse.

Al suo secondo lungometraggio Thomas McCarthy (che abbiamo visto recitare in Good Night, and Good Luck), ha realizzato un piccolo gioiello che sarebbe un peccato non vedere (specie nel periodo natalizio caratterizzato, al solito, da una offerta cinematografica che è un vero e proprio inno al vuoto del cervello): ed è sorprendente come un regista quasi esordiente possegga la non facile abilità di passare, nella stessa opera, dal registro della commedia a quello del dramma in modo così naturale e lineare, senza contrasti né contraddizioni: bravo!

Mai pedante e banale, sobrio, acuto e delicato, toccante e tenero ma anche lievemente ironico (commozione e sorriso convivono armoniosamente) L’ospite inatteso sa, come detto da più parti, scaldare testa e cuore: con semplicità pudore discrezione assenza di retorica… un invito alla tolleranza e alla integrazione, una protesta (non urlata, e quindi più efficace) contro i pregiudizi e i sospetti generalizzati nei confronti di coloro che consideriamo “diversi”.
Una sceneggiatura ricca di sfumature psicologiche che evita ogni facile sentimentalismo, scritta benissimo, essenziale, asciutta e senza inutili digressioni che affronta tematiche universali come la solitudine, la solidarietà, il senso da dare alla vita.
Bellissimo, ed estremamente coerente, il finale.

Un quartetto di formidabili attori, tutti da applauso incondizionato, impreziosiscono il film.
Richard Jenkins (visto qualche mese fa in Burn after reading) delinea perfettamente un uomo che affronta la vita come un anonimo visitatore (è lui il “The visitor” del titolo originale): stupisce che Hollywood abbia atteso tanto per conferirgli un ruolo da protagonista (grande errore dei Golden Globe di averlo ignorato).
Hiam Abbass (straordinaria protagonista de Il giardino di limoni) è una presenza magnetica e illumina ogni scena in cui è presente.
Haaz Sleiman e Danai Jekesai Gurira sono accattivanti, convincenti e massimamente credibili nella loro spontaneità.

L’accettazione dell’altro, ecco l’importante messaggio del film: l’idea semplice che lo straniero non è per forza un nemico, l’immigrato non è necessariamente un terrorista, il clandestino non è sempre un pericolo ma può essere un ospite, magari diventare un amico e perfino uno che ti insegna qualcosa (Repubblica).

Il consiglio è di non lasciarselo scappare questo lavoro, sicuramente una delle migliori opere che il grande schermo ci abbia offerto nell’intero 2008.

p.s.
L’ospite inatteso, come riporta Panorama, è il primo titolo distribuito dalla neonata e indipendente Bolero Film, sorta con l’obiettivo di offrire film “di alta qualità che combinino divertimento e valore artistico”

scheda

sito ufficiale

premi e riconoscimenti

Annunci

dicembre 4, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

6 commenti »

  1. Un piccolo gioiello, non scontato e con due protagonisti formidabili. Asciutto ed essenziale, coinvolge e rende partecipi lo spettatore.

    Commento di luciano | dicembre 5, 2009

  2. Finalmente ti si sente… Bellissimo film!

    Commento di streep | dicembre 5, 2009

  3. Particolare, intenso e incisivo. Un film senza fronzoli con un Richard Jenkins finalmente protagonista (dire magnifico è poco) e una Hiam Abbas dalla rara bellezza classica (si sta imponendo in lavori uno migliore dell’altro… vedi i bellissimi “Il giardino dei limoni” e “La sposa siriana”).

    Commento di alessandro | dicembre 5, 2009

  4. Uno dei migliori che ho visto… dolori e sentimenti quasi sussurrati…

    Commento di marina | dicembre 6, 2009

  5. Un film coraggioso e, per il cinema americano, anticonformista. Sincero ed emozionante, da vedere. Interpreti stupendi.

    Commento di peter | dicembre 14, 2009

  6. Rivisto recentemente per l’ennesima volta. Giudizio confermato: bellissimo, imperdibile… uno dei migliori film americani degli ultimi anni

    Commento di manuel | luglio 13, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: