Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“L’uomo senza sonno”

2004: El Maquinista di Brad Anderson

Un piccolo gioiello di produzione spagnola (tranne rare eccezioni accolto molto bene dalla critica specializzata).

luomo-locandina maquinista1

Una atmosfera sinistra, una tensione perenne, un coinvolgimento continuo e totale da parte dello spettatore caratterizzano L’uomo senza sonno. Non sai se ammirare maggiormente la splendida fotografia livido-azzurrata (una delle cose migliori viste negli ultimi anni), le sofisticate immagini e inquadrature, l’accorta regia, la perfetta messinscena, la performance dell’intero cast (tutti gli interpreti sono da lodare senza riserve).

Un horror? Un noir? Certo, ma anche qualcosa in più.

luomo-poster2Un film che indaga non banalmente nella psiche umana e che pone inquietanti interrogativi che riguardano un po’ tutti noi: una parabola sui sensi di colpa; sulle angosce e fobie che attanagliano gli esseri umani; sulla mancanza di vie di scampo alle inquietudini, alle paranoie, agli incubi, alle ossessioni di un’intera società.
Un’opera perfettamente dosata tra realtà e allucinazione, ambigua e rigorosa, intensa e ipnotica, cupa e disturbante, una inesorabile discesa agli Inferi  in cui ognuno può trovare i più svariati riferimenti, da Hitchcock a Polanski, da Lynch a Fritz Lang, da David Fincher a Cronenberg, da Kafka a Dostoevskij, ma del tutto originale  (Il Mattino scrive: «L’uomo senza sonno» può essere definito un thriller psicologico con un uomo divorato da un’angoscia hitchcockiana che vive un incubo lynchiano facendo un percorso disseminato di trappole polanskiane”).

Incredibilmente perfetto un quasi irriconoscibile Christian Bale, stralunato e scheletrico, spettro di se stesso (ha perso davvero una trentina di chili per interpretare il ruolo, facendo il contrario del Robert De Niro di Toro scatenato). Un uomo sofferente e malato che, insieme al sonno, ha perso anche la capacità di affrontare i propri fantasmi. Assurdo che non sia stato considerato per una nomination agli Oscar: tutti i critici (anche quei pochi che non si sono mostrati benevoli verso il film) hanno giudicato sbalorditiva la sua prestazione.

scheda

premi e riconoscimenti

luomo1luomo3luomo2


Annunci

ottobre 27, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , ,

6 commenti »

  1. Apprezzo molto le tue recensioni, precise e rispettose anche del punto di vista della critica ufficiale. ciao spettatore

    Commento di spettatore | ottobre 27, 2009

  2. spettatore, naturalmente grazie

    Commento di cinemaleo | ottobre 27, 2009

  3. Un continuo oscillare di realtà e allucinazione, una suspense crescente, una profonda analisi della propria coscienza e dei propri sensi di colpa… Un capolavoro!

    Commento di mira-anna | ottobre 27, 2009

  4. Un film non convenzionale che emoziona come pochi. Un film teso e ghiacciante con un Christian Bale dalla bravura inaspettata. Da vedere assolutamente.

    Commento di lucahouse | ottobre 29, 2009

  5. Tutto è mirabilmente al servizio per trasmetterci l’angoscia del protagonista, un C.B. veramente bravo. Un film intenso ed emozionante che ti coinvolge per tutta la sua durata e che ti resta impresso.

    Commento di roberto70 | ottobre 30, 2009

  6. Imperdonabilmente perso al cinema, visto in tv. Un film straordinario!

    Commento di daniele | settembre 19, 2011


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: