Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Lezioni di felicità”

2006: Odette Toulemonde di Eric-Emmanuel Schmitt

Da ieri visibile su Sky questa “favola dei nostri tempi” (Repubblica) consigliatissima a tutte le fasce di pubblico.

lezioni-locandina da vedere lezioni-poster

La vicenda è assurda, i personaggi e le situazioni improbabili… Eppure il risultato miracoloso è un gioiellino raffinato e godibile al massimo in cui tutto scorre piacevolmente, lineare e coerente: un film fatto talmente bene che ogni cosa sembra plausibile e accettabile, anche la più inverosimile. Si sta volentieri al gioco e ci si appassiona a una moderna favola, frizzante e commovente al contempo, piena di humour di rara intelligenza, mai banale, lieve ma profonda (“dietro -afferma Il Manifesto- c’è lo sberleffo nei confronti della centralità parigina in fatto di gusto, l’incolmabile distanza tra capitale e provincia, tra intellettuali e piccolo borghesi”). Quasi un musical da camera con tocchi disneyani e surreali, con una bella sceneggiatura e una accorta regia (sembra strano che Eric-Emmanuel Schmitt -anche autore del racconto ispirato al film- sia al suo esordio). Deliziosa e accattivante la protagonista Catherine Frot (in Francia celebre attrice di teatro ma non solo) in un mix riuscitissimo di Mary Poppins Fata Turchina e Amelie (“Odette, che balla la sua vita a ritmo di Joséphine Baker e prende il volo quando è felice, è uno dei personaggi più lievi e affascinanti usciti dal Cinema francofono degli ultimi anni”, Renato Massaceesi), perfetto il resto del cast. Da plauso la colonna sonora di Nicola Piovani, abilissimo -tra l’altro- ad inserire armonicamente, esaltandole, le canzoni della celeberrima vedette afroamericana.

odettetoutlemondeUn film di cui MyMovies ha scritto: “un toccasana per il cuore e per l’anima, come un dolcetto al cioccolato in un momento di tristezza” e Spaziofilm ha detto: “una boccata d’ossigeno, un momento per staccare la spina”,  un film che infonde serenità e ottimismo (“un grido di ribellione alla negatività” afferma Luciana Morelli su Cinemalia), un film che piacerà a chi dal grande schermo pretende divertimento ma anche sostanza (“una commedia che tinge di fantastico surrealismo fanciullesco e dolcissimo romanticismo un messaggio contro i pregiudizi culturali”, MoviePlayer).

p.s.

In Italia Eric-Emmanuel Schmitt ha acquisito notorietà dirigendo Omar Sharif in Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano (film tratto da un suo racconto) e per la sua commedia Il visitatore, in cui Freud riceve la visita di un misterioso personaggio che è forse Dio, recitata da Turi Ferro e Kim Rossi Stuart.

Alla presentazione ufficiale de Lezioni di felicità il regista ha dichiarato: “Volevo partire dal mondo com’è per poi passare alla fantasia. Questa storia è tratta da un episodio che mi è realmente accaduto e c’è molto di autobiografico. L’importante era colpire la gente e farla pensare. Io sono un drammaturgo e di solito i miei romanzi sono crudeli ma sempre credendo nella bontà di fondo delle persone… Volevo iniziare con qualcosa che non potesse risultare pesante. Il mio primo rapporto col cinema è stato con Walt Disney e a lui mi sono ispirato nel modo di lavorare. E’ giusto quindi dire che si tratta di una favola che vuol parlare della felicità. La verità è che quando si è felici non ci si chiede cosa sia la felicità. Trovarsi a fare questa domanda a se stessi o agli altri significa che non si è felici” (Luca Svizzeretto, Tuttialcinema).

scheda

sito ufficiale

odette1 odette2 odette3 odette3a

odette4

Annunci

ottobre 21, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Chi non vorrebbe avere una madre una moglie una amica come Odette?

    Commento di roberto70 | ottobre 21, 2009

  2. Un film bizzarro e curioso, a volte magico, che fa sognare e ben sperare sulle sorti dell’umanità. Ironia e sentimento a profusione conditi dalla bellissima musica di Piovani.

    Commento di leanoa | ottobre 22, 2009

  3. Film strano, tendente all’allegorico, molto piacevole. Azzeccato il parallelismo tra la vita di Gesù e quella di Odette che risorge a nuova vita. La protagonista è deliziosa.

    Commento di garrulus | ottobre 26, 2009


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: