Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Mare dentro”

2004: Mar adentro di Alejandro Amenabar

“Un film magnifico sul rapporto tra l’uomo e la morte” (MyMovies), “Fissiamo Ramon negli occhi, superiamo la barriera dello schermo, sentiamo che tutto questo, al fondo, riguarda anche noi. Complice la stupefacente immedesimazione di Javier Bardern, ci risulta impossibile trattenere le lacrime. Oltre l’immenso dolore, tocchiamo il senso profondo del nostro fragilissimo essere al mondo” (Il Sole 24 Ore), “Un film da vedere” (Il Corriere della Sera), “Amenabar riesce a coniugare senso, profondità e intrattenimento inteso nel senso migliore” (Ciak) : l’elenco dei giudizi entusiasti potrebbe non finire…

maredentrolocandina

Grande tema (l’eutanasia), grande film, grande attore.
Già in The others e in Apri gli occhi, Alejandro Amenabar ci aveva colpito per la sua abilità nel creare atmosfere inquietanti e nel saper catturare l’attenzione dello spettatore. Qui rivela di essere non solo un grande regista ma anche un uomo coraggioso nell’affrontare argomenti che mettono in crisi la nostra coscienza e che suscitano controversie a non finire. Si esce dalla sala con un senso di inquietudine e con la consapevolezza di vivere in una società dominata da leggi e comportamenti assurdi.

Un film (ispirato a una storia vera) che invita a riflettere, a discutere e solo per questo meriterebbe di essere visto: ma è anche un grande spettacolo caratterizzato da un sapientissimo uso della macchina da presa e da un coro di attori (dal primo all’ultimo) di eccezionale bravura. Che dire poi di Javier Bardem? Raramente abbiamo visto un interprete calarsi così pienamente in un personaggio tanto da confondersi in esso: Bardem non recita Ramon, è Ramon!

p.s.

Gran Premio della Giuria a Venezia 2004 e Coppa Volpi a Javier Bardem. Premio Unione Europea.

ilriformista recensione pubblicata lunedì 27/09/2004

scheda

Annunci

luglio 31, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , ,

2 commenti »

  1. Film dalla potenza emotiva e commovente non indifferente. Del resto però non è disonesto o ruffiano, tutto il contrario, anche perchè mentre emoziona e commuove, fa anche riflettere e molto.

    Commento di alessandra | luglio 31, 2009

  2. Volevo vederlo da un pezzo, questo film, e mi hai dato la spinta giusta per programmarlo per una di queste sere d’agosto. 😀

    Commento di kokeicha | agosto 3, 2009


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: