Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Il Cacciatore di Aquiloni”

2007: De Kite Runner di Marc Forster

ilcacciatorediaquiloni

Alla critica è piaciuto: “A magnificent film” (Chicago Sun-Times), “Dal libro al film con intelligenza” (Il Tempo), “… una trasposizione di grande potenza narrativa” (Film Tv), “…all’altezza dell’amato bestseller” (La Stampa).

Regista che, tra l’altro, ha al suo attivo lo splendido Neverland ma anche il poco convincente Stay, Marc Forster (svizzero tedesco trapiantato in America) si è presa una bella gatta da pelare trasportando sullo schermo il romanzo di Khaled Hosseini, il più grande fenomeno letterario degli ultimi anni, idolatrato da milioni di lettori in tutto il mondo.
Chi non ha letto il libro, vedendo il film non capirà il perché di tanto entusiasmo. Chi ha amato l’opera scritta rimarrà inevitabilmente deluso.

Forster ha realizzato una produzione che si fa ammirare per gli originali titoli di testa, la messinscena colorata, la smagliante fotografia, l’imponenza delle masse ben guidate, la ricostruzione ambientale (l’Afghanistan e il Pakistan sono riprodotti in Cina): un grande spettacolo nella migliore tradizione hollywoodiana ma…
L’impatto emotivo è modesto, i sentimenti le sofferenze le ferite… poco approfondite, le sfumature latitanti, il coinvolgimento manchevole. Non tutti i personaggi principali sono narrativamente sullo stesso piano, non tutti gli interpreti sono completamente convincenti.

Formalmente la pellicola (che ha avuto una nomination agli Oscar e due ai Golden Globe) appare rispettosa del romanzo di cui trascrive i fatti salienti (ma non tutti) ma non ne riproduce l’anima, l’intimo, il profondo significato.
Un’occasione persa: ci si aspettava un capolavoro, abbiamo un prodotto semplicemente dignitoso che persuade del tutto.

p.s.
Il film è stato proibito in Afghanistan (motivazioni: si umilia l’etnia dei “pashtun”, oltraggiose le scene dello stupro di Hassan e della danza erotica del ragazzo hazara, Shorab).

Pubblicato su FilmAgenda

Regia: Marc Forster
Sceneggiatura: David Benioff
Cast: Khalid Abdalla, Homayon Ershadi, Shaun Toub, Atossa Leoni, Saïd Taghmaoui, Zekeria Ebrahimi, Ali Danesh Bakhtyari, Ahmad Khan Mahmidzada, Nabi Tanha, Elham Ehsas, Bahram Ehsas, Maimoona Ghizal, Abdul Qadir Farookh, Abdul Salam Yusoufzai, Tamim Nawabi
Fotografia: Roberto Schaefer
Montaggio: Matt Chesse
Musiche: Alberto Iglesias
Produzione: DreamWorks SKG, MacDonald/Parkes Productions, Neal Street Productions, Participant Productions, Sidney Kimmel Entertainment, Wonderland Films
Distribuzione: Filmauro
Paese: USA 2007
Genere: Drammatico
Durata: 131 Min
Uscita Italia: 28 Marzo 2008
Uscita USA: 14 Dicembre 2007

Sito Italiano
Sito Ufficiale

Trama:
L’amicizia tra due bambini appartenenti a etnie e classi sociali differenti: Amir, figlio di uno degli uomini più influenti di Kabul, e Hassan, il suo piccolo servitore. Sullo sfondo le vicende storiche che, in trent’anni, hanno portato alla progressiva distruzione e devastazione della cultura e del paese afgano: la caduta della monarchia, l’invasione sovietica, l’esodo di massa verso il Pakistan, l’avvento del regime talebano e la sua eliminazione dopo la caduta delle Torri Gemelle. Amir e Hassan sono inseparabili, accomunati anche dalla passione per le gare di aquiloni. Ma un tragico evento irrompe e sconvolge le loro vite…

Note:
In Afghanistan gli hazara non sono visti come pari dai pashtun, da quando nel 19° secolo sono stati sottomessi e portati come schiavi a Kabul.
Su IMDb riconoscimenti e premi.

luglio 24, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti »

  1. Una regia pulita per un film che appare un po’ superficiale rispetto al bellissimo romanzo. La magia e la poesia del libro sono qui assenti… Certo cinema e letteratura sono cose diverse ma il problema è che il film non regala emozioni e brividi

    Commento di movie | luglio 26, 2009

  2. La storia è sconvolgente e il ritratto dell’Afghanistan è certamente interessante… ma bisognerebbe non aver letto il libro per apprezzare veramente questo film.

    Commento di gianni87 | luglio 26, 2009


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: