Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Mezzogiorno di fuoco”

1952: High Noon di Fred Zinnemann

Uno dei titoli più celebri dell’intera storia hollywoodiana, un film giustamente osannato dalla critica e che quando uscì sbancò i botteghini di tutto il mondo.

mezzogiorno-di-fuoco

Giustamente celebre per vari motivi che lo rendono un qualcosa di unico:
-La magnifica performance di Gary Cooper (“la massima figura di eroe che il cinema abbia mai creato”, Gianni Amelio) che ebbe per questa sua straordinaria interpretazione sia l’Oscar che il Golden Globe.
-L’aver rivelato la nascita di una star, Grace Kelly, che presto avrebbe conquistato il pubblico dell’intero pianeta
-Il formidabile montaggio con lo struggente motivo “Do Not Forsake Me, Oh My Darlin” del grande Dimitri Tiomkin che segna ogni cambio di scena
-L’idea geniale di far coincidere la durata del film col tempo dell’azione
-La miriade di orologi rimasti nella nostra memoria che riempiono ogni sequenza e che accentuano la spasmodica attesa
-La celebre scena che vede lo sceriffo gettare la sua stella nella polvere, scena che all’epoca fu un vero e proprio shock e che provocò le proteste della Commissione che indagava sulle attività antiamericane.

Mezzogiorno di Fuoco è diretto mirabilmente da uno dei migliori registi della Hollywood classica, Fred Zinnemann, a cui si devono alcuni dei più famosi lavori di Hollywood (basti pensare a Teresa, Da qui all’Eternità, Un Uomo per Tutte le Stagioni, Oklahoma, Un Cappello Pieno di Pioggia, La Storia di una Monaca, Il Giorno dello Sciacallo, Giulia…).

Il film vanta la produzione di Stanley Kramer, uno degli esponenti più anticonformisti della Mecca del cinema: a lui non solo si deve uno dei film più arguti e divertenti che siano stati mai girati, Questo Pazzo Pazzo Pazzo Pazzo Mondo, ma soprattutto opere che si sono battute contro l’intolleranza, il razzismo, la guerra, la minaccia atomica… (Indovina Chi Viene a Cena, La Parete di Fango, Il Selvaggio,Vincitori e Vinti, L’Ultima Spiaggia…).

Girato in un accecante (e magnifico) bianco e nero, Mezzogiorno di Fuoco è un atipico western ispirato al racconto “The Tin Star” di John W. Cunningham, che nel breve volgere di poco meno di un’ora e mezza non solo narra con precisione e sensibilità l’evoluzione psicologica del protagonista davanti alla sfida che l’attende ma induce lo spettatore a riflettere su cosa siano la violenza e il sopruso. Uno dei migliori esempi di cinema civile, un coraggioso atto d’accusa verso il maccartismo imperante e il clima di vigliaccheria che questo aveva instaurato.

“Allegoria politica, western psicologico tesissimo o apoteosi di un eroismo pervaso di inquietudini, Mezzogiorno di Fuoco è un film dal fascino intramontabile e le immagini di Will Kane mentre perlustra la strada principale di Hadleyville sono da annoverarsi tra le più memorabili del cinema americano” (Il Cinema – Grande storia illustrata – vol.4, Ist. Geogr. De Agostini).

garycooper-highnoonNel 1989 Mezzogiorno di Fuoco è stato scelto per essere preservato dal National Film Registry presso la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.
Nel 2008 l’American Film Institute l’ha inserito al ventisettesimo posto della classifica dei cento migliori film americani di tutti i tempi.

Pubblicato su Cineocchio
Regia: Fred Zinnemann
Sceneggiatura: Carl Foreman
Cast: Gary Cooper, Thomas Mitchell, Lloyd Bridges, Katy Jurado, Grace Kelly, Otto Kruger, Lon Chaney Jr., Ian MacDonald, Lee Van Cleef, Robert J. Wilke, Sheb Wooley, Harry Morgan, Harry Shannon, Morgan Farley, Eve McVeagh
Fotografia: Floyd Crosby
Montaggio: Elmo Williams
Musiche: Dimitri Tiomkin
Produzione: Stanley Kramer Productions
Distribuzione: Dear Film
Paese: USA (1952)
Genere:  Western
Durata: 84’ circa
Uscita Italia: 26 Febbraio 1953
Uscita USA: 24 Luglio 1952

Trama:
Lo sceriffo Willy Cane si dimette dal suo incarico il giorno delle sue nozze con Amy, una ragazza quacchera, ma, avendo saputo che sta per tornare in città (con il treno di mezzogiorno) un pericoloso fuorilegge, decide di rimanere ed affrontarlo. I concittadini, ad uno ad uno, gli negano l’aiuto ed egli si ritrova a confrontarsi da solo contro il malvivente e la sua banda…

Note:
-Nel 1953 gli Oscar ricevuti furono 4: oltre al miglior attore, andarono alla miglior colonna sonora, alla migliore canzone, al miglior montaggio.
-La celeberrima canzone “Do Not Forsake Me, Oh My Darlin” nel film è cantata da Tex Ritter, ma spopolò soprattutto nella successiva versione di Frankie Lane.
-Il film è scritto da Carl Foreman, non accreditato perché finito sulla lista nera del maccartismo.
Wikipedia riporta un dialogo, contenente uno dei più importanti messaggi del film: “Ma che razza di donna siete? Come potete lasciarlo così? Il suono delle pistole vi fa tanta paura?”.
“No, signora Ramirez. Ci sono abituata. Mio padre e mio fratello sono stati uccisi in una sparatoria. Erano dalla parte della ragione, ma questo non servì a nulla quando iniziarono a sparare. Mio fratello aveva diciannove anni. L’ho visto morire. Fu allora che divenni una quacchera. Non mi importa chi ha torto e chi ha ragione. Dev’esserci un modo migliore per concepire la vita”.

giugno 25, 2009 - Posted by | cinema-recensioni, classici

9 commenti »

  1. Grande Gary Cooper, che interpretazione! Un gran film, ripreso in chiave comica da Mel Brooks con Mezzogiorno e Mezzo di fuoco.

    Commento di the Tramp | giugno 25, 2009

  2. Bellissimo montaggio

    Commento di balordaccio | giugno 25, 2009

  3. Grandissimo western, uno dei migliori mai girati. Sono d’accordo con tutti gli elogi, soprattutto a quelli rivolti al magnifico montaggio e alla straordinaria interpretazione di Gary Cooper.
    Ah, Mezzogiorno e mezzo di fuoco è toppo divertente!!🙂

    Commento di alessandra | giugno 25, 2009

  4. Montaggio e fotografia da plauso per un classico immortale che vede riuniti tanti volti indimenticabili.
    Bello il tuo videopost.

    Commento di gianna | giugno 27, 2009

  5. Una delle più belle trame viste al cinema, una suspense continua, dialoghi di rara intelligenza, un protagonista che ha fatto la storia di Hollywood. Da vedere e rivedere.

    Commento di luca | giugno 27, 2009

  6. Mai visto un Gary Cooper così equilibrato e intenso, veramente un gigante dello schermo. Un film che conserva ancora una grande attualità. Bellissimo

    Commento di streep | luglio 6, 2009

  7. Meravigliosa colonna sonora.

    Commento di channel | settembre 9, 2012

  8. non si sente l’audio, potresti rimetterla di nuovo? forse ci sono problemi con youtube..non riesco a trovarla da nessuna parte…grazie mille..🙂

    Commento di tonygiles | ottobre 10, 2012

  9. @ tonygiles: l’audio inizia a 0:36

    Commento di cinemaleo | ottobre 10, 2012


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: