Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Tulpan – La ragazza che non c‘era”

2008: Tulpan di Sergey Dvortzevoy

Strepitosa accoglienza da parte del pubblico al Festival di Cannes 2008 per questo film che si svolge interamente nella steppa kazakha, immersi in una natura madre e matrigna tra nomadismo e pastorizia.

1sorriso1

tulpan-locandina-italia1La descrizione degli usi locali e degli splendidi paesaggi non può non coinvolgere emotivamente, ma non è l’unica componente del fascino di questo film. Lo stile asciutto e ironico e mai folkloristico, la buona sceneggiatura, la narrazione interessante, il rifiuto di facili sentimentalismi e di qualsiasi forma di retorica, i molteplici personaggi dalla ricca umanità, la presenza di sentimenti e valori universali che ci appartengono… catturano immediatamente la nostra partecipazione e, anche se non ci fanno gridare al capolavoro, ci regalano due ore intelligentemente spese bene. L’uso della macchina da presa a mano, l’abbondanza di piani-sequenza, la presa diretta, l’attenzione ai minimi dettagli, contribuiscono a dare un senso di verità a quanto vediamo sullo schermo e a trasmetterci interamente l’evidente amore che Sergei Dvortsevoy ha per la sua terra.

Non una semplice commedia questa opera prima di un regista che viene dal documentario, che “si rivela un vero artista” (Il Messaggero) e che possiede la non comune dote di far dimenticare al pubblico di assistere a una finzione cinematografica.
Si avverte il rimpianto per un mondo che prima o poi scomparirà. Tutto il film è centrato sulla contrapposizione tra modernità e tradizione, tra futuro e passato, tra illusione e innocenza, tra nuovo e vecchio, tra globalizzazione e arcaicità. Scopriamo un pianeta per noi misterioso, sogniamo e siamo portati a credere con rammarico che un ultimo Paradiso (?) è destinato ad allontanarsi per sempre. E’ appunto un sogno, una fiaba… ma perché non abbandonarvisi?

Perfetta la scelta degli interpreti, professionisti e non.

Pubblicato su Cineocchio

tuttelerecensioni

Regia: Sergey Dvortzevoy
Sceneggiatura: Sergey Dvortzevoy, Gennadi Ostrovsky
Cast: Askhat Kuchencherekov, Ondas Besikbasov, Samal Esljamova, Tulepbergen Baisakalov, Bereke Turganbayev, Nurzhigit Zhapabayev, Mahabbat Turganbayeva, Amangeldi Nurzhanbayev, Tazhyban Kalykulova, Zhappas Zhailaubaev, Esentai Tulendiev
Paese: Svizzera, Germania, Polonia, Russia, Kazakhistan (2008)
Genere: Commedia
Durata: 100’
Uscita Italia: 24 Aprile 2009
Uscita Kazakistan: 9 Aprile 2009
Trama:
Dopo aver assolto il servizio militare in marina, il giovane Asa torna nella steppa Kazaka dove sua sorella e suo marito – che fa il pastore – vivono una vita da nomadi. Per iniziare la sua nuova vita da pastore, Asa si deve prima sposare…
Note:                                                                                                                                                                                                                                      Il film ha vinto il Premio Un Certain Regard – Festival di Cannes 2008. Premiato anche agli Asian Film Awards, British Film Institute Awards, Cottbus Film Festival of Young East European Cinema, Dubai International Film Festival, International Film Festival of India, Karlovy Vary International Film Festival, Montréal Festival of New Cinema, Tokyo International Film Festival, Zurich Film Festival

aprile 27, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Anch’io ho letto ottime recensioni su questa pellicola … e non vedo l’ora di vederla … belle immagini (mi hanno anche ricordato La Storia Del Cammello Che Piange e il gregge dall’alto … una celeberrima foto di Fulvio Roite)

    Commento di Don Draper | aprile 28, 2009

  2. I film che ci descrivono parti del mondo quasi sconosciute sono particolarmente affascinanti… Questo non smentisce la regola

    Commento di zazie | maggio 28, 2010

  3. Benché molto realistico un film semplice e poetico che si rivede sempre volentieri.

    Commento di giorgina | giugno 1, 2010


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: