Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“La Mia Africa”

1985: Out of Africa di Sydney Pollack

Nel 2007 Meryl Streep e Robert Redford sono tornati insieme dopo 22 anni (Leoni per Agnelli). Ricordiamoli in questo celeberrimo film del 1985.

la-mia-africa Glitter Photos

outofafrica600x300banner

Chi lo accosta ai capolavori di David Lean, chi lo reputa un patinato e sontuoso spettacolo, chi lo vede come una love-story struggente e romantica, chi lo giudica un kolossal suggestivo e fluviale, chi lo interpreta come un viaggio alla scoperta di un continente misterioso… Quel che è certo è che il film (uno dei maggiori successi degli anni Ottanta) ancor oggi è godibile e affascinante come pochi.
La Mia Africa è, al contempo, un film epico e un grande racconto romantico (intenso e non convenzionale, appassionato ma non banale).

È soprattutto una storia d’amore e d’indipendenza femminile. Ed è da sottolineare che nessuno come Pollack sa parlare d’amore senza cadere nella retorica di un modello vecchio come il mondo (e comunque più del cinema). Il regista preferisce andare in contro-tendenza e così La mia Africa, sorprendentemente, non mostra alcuna scena d’amore, alcun amplesso tenero e dolce e quando il momento del rapporto arriva, la cinepresa si concede pochissimi primissimi piani (si pensi alla scena  in cui, all’ombra di un eucaliptus, nella sua piantagione, Meryl si lava i capelli, ha bisogno di acqua fresca, e Robert l’aiuta, versandogliela sul viso, sul collo… “Resta, a mio parere, uno dei momenti migliori d’amore e d’intimità inespressa, ma chiara, offerti dal cinema”, ha detto giustamente Redford).
Una pioggia di statuette ha incoronato il film, uno dei più riusciti ritratti della natura africana. Immagini impareggiabili, campi lunghi che incantano: si rimane veramente a bocca aperta per la bellezza dei luoghi. Del resto tutto il film è tecnicamente impeccabile (non solo straordinario nella fotografia ma anche splendido nella indimenticabile colonna sonora).
Punto di forza dell’intero lavoro è naturalmente la recitazione:
Klaus Maria Brandauer intelligentemente dimostra di non essere prigioniero del suo Mephisto. Da lodare senza riserve Robert Redford (attore feticcio di Pollack con cui ha girato ben sette film, un sodalizio e un’amicizia più che trentennale). Meryl Streep è al massimo della forma, “vibrante e strepitosa” (Rai.it), “superlativa” (MyMovies): quella che da molti è considerata la sua migliore interpretazione non è stata premiata con l’Oscar  (e il verdetto dell’Academy stupì e indignò tutti).
p.s.
Bellissima, tra le altre, la battuta “Avrà pregato bene chi molto ha amato, sia esso un uomo, un uccello o una bestia”.

Pubblicato su Cineocchio
tuttelerecensioni

Regia: Sydney Pollack
Sceneggiatura: Kurt Luedtke
Cast: Meryl Streep, Robert Redford, Klaus Maria Brandauer, Michael Cough, Malick Bowens, Kenneth Mason, Mike Bugara, Muriel Cross, Graham Crowden, Suzanna Hamilton, Job Jeda, Rachel Kempson, Stephen Kinyanjui, Michael Kitchen, Joseph Thiaka, Mohammed Umar, Leslie Phillips, Shane Rimmer, Donal McCann
Paese: USA (1985)
Genere: Drammatico
Durata: 162’
Uscita Italia: 6 Marzo 1986
Uscita USA: 18 Dicembre 1985
Trama:
Nel 1914 la danese Karen Blixen, futura scrittrice, arriva a Nairobi per un matrimonio di convenienza con un barone tedesco che la trascura. S’innamora di un avventuriero inglese idealista. Intanto conosce l’Africa e matura.
Note:                                                                                                                                                                                                                                      Il film ebbe sette premi Oscar (tra cui miglior film, regia e sceneggiatura), tre Golden Globe , due David di Donatello, un Nastro d‘Argento. Fu inoltre premiato dai Writers Guild of America, New York Film Critics Circle Awards, National Board of Review, Los Angeles Film Critics Association, London Critics Circle Film Awards, Kansas City Film Critics Circle Awards…                                                                                                                                                                                                         Meryl Streep per il ruolo della Blixen ha imparato a parlare in inglese con accento danese.

Robert Redford ha recentemente dichiarato: “Ero un po’ stanco di recitare nei primi anni Ottanta, avevo vinto l’Oscar per il mio primo film da regista, mi sentivo sempre più attirato dal lavoro di documentarista sui temi dell’energia solare che cominciavano ad appassionarmi, ero impegnatissimo nell’appena creato Sundance Institute. Accanto a Meryl Streep ritrovai il piacere di recitare”.

aprile 25, 2009 - Posted by | cinema-recensioni, classici | , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

8 commenti »

  1. Grazie per aver risentito questa meraviglisa colonna sonora per un film impagabile

    Commento di ciaci44 | aprile 25, 2009

  2. Magnificent music and beautiful pictures from the movie. Thanks so much nellocorrias for sharing and cinemaleo for posting!

    Commento di AnaJilk | aprile 25, 2009

  3. Grazie! era tanto che lo cercavo e questo video è bellissimo!! il film stupendo! interpreti eccezionali… rimarranno nei nostri cuori e nella storia del cinema!

    Commento di MissLadyAylynn | aprile 25, 2009

  4. Una coppia di strepitosi attori diretti da un fantastico regista, una storia bellissima, non poteva non uscirne che un capolavoro. Bellissima la scena in cui Robert Redford lava i capelli a Meryl Streep.

    Commento di the Tramp | aprile 25, 2009

  5. Semplicemente strepitoso…grazie per averlo messo su internet

    Commento di silvia | aprile 26, 2009

  6. Complimenti al tributo che hai dato a questo film.
    A me ha dato molto!

    Commento di catavbest | aprile 26, 2009

  7. volevo sapere da quale testo di letteratura è tratto ” avrà ben pregato chi avrà molto amato”
    QUALCUNO SA DIRMELO?

    Commento di giovanna | luglio 10, 2009

  8. Giovanna, il verso citato nel film è tratto da Alfred Edward Housman (Fockbury , Worcestershire, 26 marzo 1859 – Cambridge, 30 aprile 1936), poeta inglese, noto per la raccolta “A Shropshire Lad” (Un ragazzo dello Shropshire).

    Commento di cinemaleo | luglio 17, 2009


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: