Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Il Codice Da Vinci”

2006: The Da Vinci Code di Ron Howard

La stampa ne ha parlato male (Variety, la bibbia dello spettacolo, lo ha definito fiacco e noioso, pesante e sinistro). Tra i giornalisti presenti all’anteprima a Cannes c’è chi non ha risparmiato fischi e fragorose risate alla pellicola.

1triste

Una premessa. Il tanto chiacchierato romanzo di Dan Brown non è un granché ma si basa (nonostante quello che dica lo scrittore) su un testo serio, che potrà non convincere pienamente tutti ma qualche serio dubbio su quanto tradizionalmente ci viene raccontato lo mette (1) . Il fatto che sia stato Costantino a stabilire la maggior parte dei canoni su cui si basa la Chiesa moderna è una verità storica, come mi sembra sia indiscutibile che la nostra religione si rifà più a San Paolo che a Gesù. Comunque non spetta ai recensori di film addentrarsi nel dibattito religioso.
Non è il caso di discutere se quanto detto nella pellicola sia più o meno fantasioso. Il lavoro di Ron Howard va analizzato per quello che è. Un thriller “che segue la traccia fornita una volta per sempre da Hitchcock: un uomo accusato d’omicidio è inseguito contemporaneamente dalla polizia e da un killer, e aiutato da una ragazza” (laRepubblica). Un thriller, per di più, su un tema che non può non affascinare.

Va subito detto che si è cercato di semplificare la complessa trama inventata da Brown, ma la vicenda raccontata nel film, attorcigliata e macchinosa, risulta difficilmente comprensibile per chi lo vede senza aver letto il libro. Anche perché Howard & Company, temendo polemiche e ritorsioni, hanno messo in secondo piano la parte più affascinante del romanzo (quella che ne motiva lo stratosferico successo in tutto il mondo): il mistero della Gioconda, Gesù che non è morto in croce, il culto della Madonna Nera, l’importanza dei Merovingi… sono appena citati o addirittura trascurati. Vedendo il film (e non avendo letto il libro da cui è tratto) non si capisce bene perché il mondo cattolico se la sia presa tanto di fronte a quella che ci viene presentata come una favoletta senza senso: favoletta che qui sembra un mero pretesto per imbastire la solita storia che tratta di assassini e polizia che danno la caccia a un innocente e dei marchingegni di questo per salvarsi. Storia vista mille volte al cinema e spesso con una tensione, una suspense, una partecipazione dello spettatore che nel film di Howard mancano assolutamente.
Il risultato finale è un thriller senza mordente, prolisso e senza ritmo, piatto e fondamentalmente noioso.
La necessaria parte didascalica (superficiale e banalizzata rispetto al lavoro di Don Brown) rallenta notevolmente la poca azione presente e giustamente fa dire a Le Monde “La sensazione finale è quella di aver sbagliato porta e di essere entrati in una sala conferenze invece che al cinema”.

Spesso, anche nei peggiori film, nel cinema americano la recitazione si salva vista la grande professionalità dei suoi attori. Nel Codice Da Vinci quasi tutti invece recitano male, o perché mal diretti o perché non convinti di quanto si chiede loro di fare.
Sbagliata la scelta dei protagonisti.
Tom Hanks per la prima volta non persuade e sembra limitarsi a fare atto di presenza senza mai accennare a una minima espressione (sembra che la parte fosse stata offerta a George Clooney, sicuramente più aderente al ruolo).
Audrey Tautou, monotona al massimo, non fa altro che sbarrare gli occhi e non appare mai credibile (si era pensato dapprima a Juliette Binoche… un abisso!). Il doppiaggio non la aiuta e fa aumentare il senso di falsità.
Jean Reno è alquanto piatto nonostante il ruolo affidatogli sia a lui congeniale.
Senz’altro migliori Paul Bettany, Alfred Molina e soprattutto Ian McKellen.

Fastidiosa e onnipresente la colonna sonora, una parodia di Carl Orff di oltre due ore e mezzo.
————
(1) “Il Santo Graal” di Michael Baigent – Richard Leigh – Henry Lincoln, Mondadori

Pubblicato su MyMovies
tuttelerecensioni

il-codice-da-vinci-locandina-italiaRegia: Ron Howard
Sceneggiatura: Akiva Goldsman
Cast: Tom Hanks, Audrey Tautou, Jean Reno, Alfred Molina, Paul Bettany, Jürgen Prochnow, Ian McKellen
Paese: USA (2006)
Genere: Thriller
Durata: 148’
Uscita Italia: 19 Maggio 2006
Uscita USA: 19 Maggio 2006
Trama:
Il cadavere del curatore del Louvre viene trovato ricoperto di strani segni e nella posizione dell’uomo di Vitruvio di Leonardo Da Vinci. Delle scritte sul suo corpo coinvolgono Robert Langdon, un esperto di simbologia che insieme alla nipote del morto inizierà una ricerca che potrebbe portare a uno sconvolgimento della fede cristiana…

Annunci

aprile 14, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 commenti »

  1. completamente daccordo con la tua analisi… un film piatto, estremamente sopravvalutato, dove niente si salva soprattutto non la recitazione di una noia a tratti mortale… peccato perchè poteva venirne fuori un thrillerino non del tutto da buttare.
    ora voglio proprio vedere che combinano con “Angeli e Demoni” hihi

    Commento di *Asgaroth | aprile 14, 2009

  2. well.. it’s like I said!

    Commento di FeedeVaK | maggio 7, 2009


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: