Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“The Road To Guantanamo”

road-to-guantanamo-poster2

2006: The Road To Guantanamo di Michael Winterbottom, Mat Whitecross

Michael Winterbottom è uno dei più interessanti registi inglesi del cinema contemporaneo: suo il bel Cose di questo mondo (2002), vincitore dell’Orso d’oro, che raccontava l’odissea di un bambino afgano che – via Pakistan – passava in Iran, in Turchia, in Italia e raggiungeva Londra.
Con l’aiuto di Mat Whitecross (ex assistente al montaggio, realizzatore di diversi video musicali) ha ora realizzato un altro film dal forte impatto emotivo e che all’ultimo Festival di Berlino ha ricevuto il premio per la miglior regia.

The Road To Guantanamo intreccia interviste, materiali televisivi e scene ricreate per raccontare la storia vera di Shafiq Rasul, Asif Iqbal e Ruhal AhmedVi, tre cittadini inglesi di origine pakistana (ribattezzati i “Tipton Three” perché tutti provenienti dalla stessa cittadina delle Midlands), due ancora adolescenti e il terzo ventunenne, che passano, per varie circostanze, dall’Inghilterra al Pakistan all’Afghanistan a Guantanamo, dove trascorreranno quasi due anni senza poter essere accusati di nulla.
Visto l’argomento e la sua drammatica attualità è impossibile analizzare l’opera dal punto di vista strettamente cinematografico. Va sicuramente vista, per discuterne, per cercare di comprendere cosa stia accadendo alla “civiltà” occidentale, per interrogarsi come possa accadere che simili avvenimenti siano del 2001, che li si racconti nel 2005 e che solo il 6 settembre 2006 la Presidenza USA ammetta l’esistenza di prigioni segrete della Cia!
Giustamente la maggioranza della critica si è soffermata su quanto il film narra e che non può non indignare: “se fosse vera anche solo la metà delle torture da loro raccontate come subite ad opera dei soldati americani questo sarebbe già più che sufficiente per parlare di barbarie”, “nulla che già non sapessimo o potessimo immaginare, ma naturalmente vedere è un’altra cosa, l’impatto è innegabile”, “la storia agghiaccia e trasmette un desolante senso di impotenza”, “nemmeno un vero terrorista, nemmeno Bin Laden in persona, andrebbe trattato con i metodi criminali che vediamo riprodotti qui”, “Michael Winterbottom e Mat Whitecross hanno creato un film straordinario sulla malvagità umana e l’ impotenza delle vittime”…

Il film potrà non essere gradito a tutti ma è da lodare senza riserve per essere quasi una perla rara nel panorama della cinematografia odierna che sembra privilegiare giocattoloni fracassoni, demenziali vicende giovanilistiche, maldestri e risibili horror…
Non è da poco un lavoro che invita a riflettere sull’assurdità e la follia di certo comportamento umano e che mostra senza reticenze l’attualità della sopraffazione di uno sull’altro, del forte sul debole.

Un solo appunto a Road to Guantanamo.
Si ha l’impressione che i due registi facciano di tutto per convincere gli spettatori che i tre protagonisti fossero bravi ragazzi ed essere così sicuri della loro indignazione. Ma Guantanamo sarebbe meno scandaloso se ci fossero solo dei sicuri colpevoli? Nel 1996 Tim Robbins, col suo Dead man walking, mostrando un personaggio violento e odioso nel braccio della morte in attesa dell’esecuzione, ebbe maggior coraggio nel denunciare la follia della pena capitale, indipendentemente da chi debba colpire.

Una Democrazia è veramente degna del suo nome quando qualsiasi violazione del Diritto non possa verificarsi, senza “se” e senza “ma”.

Pubblicato su Cinema4Stelle
Regia: Michael Winterbottom, Mat Whitecross
Sceneggiatura: Michael Arndt
Cast: Riz Ahmed, Farhad Harun, Waqar Siddiqui, Arfan Usman
Paese: Gran Bretagna (2006)
Genere: Drammatico
Durata: 95’
Uscita Italia: 22 Settembre 2006
Uscita Gran Bretagna: 10 Marzo 2006
Trama:
Michael Winterbottom racconta l’odissea di tre giovani musulmani inglesi rinchiusi innocenti per due anni nella famigerata base di Guantanamo.
Note:
The road to Guantanamo uscendo contemporaneamente al cinema, in tv, in dvd e su internet abbatte il primato di Bubble di Steven Soderbergh che era uscito contemporaneamente al cinema, in tv e in dvd.

aprile 2, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , , ,

1 commento »

  1. Da vedere assolutamente? Accetto il consiglio

    Commento di daniela | novembre 19, 2010


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: