Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“2001 Odissea nello Spazio”

1968: 2001: A Space Odyssey di Stanley Kubrick

Nella classifica dei più grandi film di sempre, Imdb lo mette tra i primi cento.
Per l’American Film Institute è il miglior film di fantascienza di tutti i tempi.

Rimane il fatto che è un capolavoro assoluto.

afi-10top-logo

Un film su cui non si è smesso di discutere fin dal suo apparire, e le cui interpretazioni risultano ancora infinite.

E’ il caso di lasciare la parola agli addetti ai lavori:
George Lucas: “Uno dei miei film preferiti, in cui tutto è scientificamente esatto e immaginato partendo dal possibile. E’ veramente l’apice della fantascienza”.
Ridley Scott: “Il finale del film pone molti interrogativi a differenti livelli: sulla morte, su Dio… Questi interrogativi, questa situazione di inquietudine mi ha molto influenzato”.
James Ballard: “Ha segnato la fine del periodo eroico della fantascienza moderna… è l’immagine di uno spettacolo scientifico in costume trasformato in romanzo storico alla rovescia, di un mondo conchiuso e impenetrabile alla luce della realtà contemporanea”.
Digilander-Libero: “E’ probabilmente il più celebre fra i tredici lungometraggi che Kubrick ha diretto nella sua carriera cinematografica. Molte sequenze di tale film rimangono nella memoria collettiva, avendo fatto scuola a decine di registi, mentre i brani utilizzati come colonna sonora sono ancora inflazionati in pubblicità e citazioni varie.
Il film rimane come modello, archetipo della fantascienza, “precursore di una nuova era nel genere” (LoBrutto) che qui viene riscoperto e superato…”.
Ibs.it: “E’ un conto alla rovescia per il domani, una carta stradale del destino dell’uomo, una ricerca dell’infinito. E’ un abbagliante monumento visivo che ha meritato l’Oscar , un’irresistibile interpretazione della lotta dell’uomo contro la macchina, una stupefacente miscela di musica e movimento, un caposaldo così fondamentale, che Steven Spielberg lo considera il “Big Ben” dal quale ha tratto origine la sua generazione di cineasti. Per cominciare il suo viaggio nel futuro, Kubrick visita il nostro passato di pitecantropi ancestrali; poi, con uno degli stacchi più fantasmagorici mai concepiti, balza in avanti di millenni fino alla colonizzazione dello spazio; infine proietta l’astronauta Bowman in zone siderali inesplorate, forse fino al regno dell’immortalità”.
Centraldocinema: “Le tappe evolutive dell’intelligenza umana (dall’uso di un osso come arma da parte dei primati alle missioni spaziali) sono contrassegnate dall’apparizione di un monolito nero. In assoluto il più grande capolavoro cinematografico di tutti i tempi (“a milestone film” come ha scritto il critico americano Leonard Maltin), disegno di una mente geniale e superiore. Affluiscono in esso filosofia (il mistero dell’esistenza), scienza (i progressi tecnologici), religione (cosa rappresenta il monolito: Dio o un’altra vita superiore alla nostra), fisica e metafisica, poesia (le silenti scene spaziali al ritmo del valzer di Strauss), suspense (le scene col computer Hal 9000). Summa di tutti i generi, si può capire (non del tutto comunque) o non capire (la fine cosa vuol dire, l’intero film cosa vuol dire: è Dio o comunque un’entità superiore che dà la ragione all’uomo e nel finale l’uomo che ha carpito il segreto del monolito e dell’esistenza è destinato a morire e rivivere, sotto forma di “figlio delle stelle”, per aiutare gli uomini o per fondare una nuova e migliore stirpe) ma, anche proprio per la sua ambiguità e le diverse, possibili interpretazioni, non si può non amare ed osannare, anche solo per le spettacolari sequenze (a cominciare da quella onirica “dei colori”, ideata, pare, da Kubrick – che lo ha sempre negato comunque – sotto l’effetto di un allucinogeno) e le superbe musiche”.

L’elenco dei giudizi entusiastici non finirebbe mai…

Interessante quanto scrive Fabrizio Denunzio (“Pieghe del tempo”, Editori Riuniti 2002):
“Non è un film di fantascienza…
Kubrick, riferendosi al suo film, ha sempre parlato di storia mitica, di documento mitologico, e in effetti i materiali trattati non tradiscono mai questa intenzione: la Storia (scimmia-uomo), il Viaggio (Odissea, Discovery), il Demiurgo (ora l’occhio di Hal, ora l’indecifrabile Monolito) trovano il loro compimento nella struttura del mito…
Dalla fantascienza 2001 A Space Odyssey, film sul mito e sul cervello, prende l’idea dello spazio (nero, profondo, specificamente filmico), in quanto romanzo di genere, però, presenta significative novità: abbandona l’idea di eroi pieni, forti e imbattibili tanto cari alla space opera… nonché quella del viaggio come dimensione privilegiata dell’avventura e dell’azione, a vantaggio di protagonisti più cerebrali coinvolti nell’investigazione sul senso della civiltà e della tecnologia”.


Regia: Stanley Kubrick
Sceneggiatura: Stanley Kubrick, Arthur C. Clarke
Cast: Keir Dullea, Gary Lockwood
Paese: USA (1968). Uscita Italia: 11 Dicembre 1968. Uscita USA: 2 Aprile 1968
Trama:
Astronauti partono alla volta della Luna prima e di Giove dopo per indagare sulla comparsa di un misterioso monolite…
Note:
L’ AFI (American Film Institute) ha stabilito, tramite la votazione di una giuria di 1.500 personalità del mondo del cinema (da artisti a critici, attori e storici), la classifica dei 10 migliori film in 10 generi cinematografici

Advertisements

marzo 24, 2009 - Posted by | cinema-recensioni, classici | , , , , , , , , , , , , ,

23 commenti »

  1. Non lo considero solo un film di fantascienza (fatto bene per giunta…), ma un concentrato di teoria filosofica. Chissà come mai ha un seguito che non gli somiglia nemmeno…

    Commento di Gegio | marzo 24, 2009

  2. Ti ho dato 3 solo perché la musica non accompagna il video fino alla fine

    Commento di Bladrunner86 | marzo 24, 2009

  3. X Gegio:
    Nel 1971 fu realizzato “2002 La Seconda Odissea” (diretto dal realizzatore degli effetti speciali di “2001: Odissea nello spazio“, esordiente nella regia), senza infamia e senza lode.
    Il vero seguito del capolavoro di Kubrick fu però “2010 L’anno del contatto” del 1984: tanto atteso, tanto deludente.
    X Bluderrunner86:
    Guarda che è voluto…

    Commento di cinemaleo | marzo 24, 2009

  4. Per me il più bel film di fantascienza di tutti i tempi e uno dei migliori di sempre. Ma non ho detto niente di nuovo.

    Commento di cinemasema | marzo 27, 2009

  5. Concordo, è impossibile dire qualcosa di nuovo su questo autentico capolavoro se non che è un’opera che fa onore al cinema. Ciao

    Commento di Gianni87 | aprile 23, 2009

  6. Questo film è magnifico!

    Commento di likelimp | agosto 7, 2009

  7. Lo sapevate che Kubrick ha detto più volte che il doppiaggio italiano di Hal9000 era il milgiore e che ha mandato una lettera di ringraziamento al doppiatore?

    Commento di mrcicciobabumbo | settembre 1, 2009

  8. Gianfranco Bellini (morto nel 2006) è stato uno dei doppiatori più famosi. Oltre ad aver prestato la voce a numerosi attori, era la voce narrante di “Francesco giullare di Dio” e di “Stalag 17”. E’ stata anche la voce di Bambi adulto in “Bambi”, della volpe in “Mary Poppins”, del libraio in “La Bella e la bestia”.

    Commento di cinemaleo | settembre 1, 2009

  9. L’Apoteosi del cinema. Nascita, morte e resurrezione di un intero genere, capolavoro filosofico e visionario. Tutt’altro che perfetto, eppure troppo OLTRE per chiunque altro. A mio avviso, IL numero uno.

    Commento di VulgarHurricane | ottobre 15, 2009

  10. Qual è il titolo della canzone all’inizio? Grazie.

    Commento di agucciardi | novembre 1, 2009

  11. @ agucciardi: Christopher Franke:”Purple Waves”

    Commento di cinemaleo | novembre 1, 2009

  12. Grazie!

    Commento di agucciardi | novembre 27, 2009

  13. Variazioni spazio-temporali sull’Odissea di Kubrick: http://www.youtube.com/watch?v=u2xOEQlG-BU

    Commento di oraziogarofalorende | gennaio 11, 2010

  14. Un film pieno di messaggi nascosti, decifrabili solo da colti e da menti raffinate…

    Commento di w10sneijder10w | febbraio 6, 2010

  15. Geniale l’idea del monolite, nero e squadrato, come emblema dell’evoluzione umana… dall’homo sapiens alla civiltà futura ipertecnologica.

    Commento di nino | gennaio 15, 2011

  16. Il monolite nero è inizio e fine, alfa e omega… intrinsecamente associato alla morte

    Commento di miklos | gennaio 27, 2011

  17. mi dispiace ma anche se questo è un bel film il migliore è “Il Buono, il Brutto e il Cattivo” del MITICO Sergio Leone

    Commento di stewie | marzo 23, 2011

  18. Che cazzo di film madonna mia..non ci ho dormito una notte intera..

    Commento di alessiosnaporaz | aprile 19, 2011

  19. Sorry I can’t read Italian, but the video is a great tribute to Kubrick and 2001. Thank you.

    Commento di fidomusic | luglio 7, 2011

  20. Un mio video in risposta…

    Commento di thejazzsound | novembre 27, 2011

  21. In the mid 60’s, before man had even set foot on the moon, two planet sized minds collided, and sent ripples through the universe of cinema. The impact of their collision was colossal, the effects far reaching. When Stanley Kubrick approached Arthur C. Clarke with the desire to make a science fiction movie, Clarke suggested his short story The Sentinal as a premise that they could work on. They were about to change science fiction and cinema forever.

    Commento di hagfilms | febbraio 23, 2012

  22. ok ognuno alla sua interpretazione che sia sbagliata o giusta….ma non puoi togliere che è uno dei migliori film del suo genere

    Commento di zatynovenove | ottobre 30, 2012

  23. […] Un discorso a parte naturalmente merita il capolavoro della fantascienza, e non solo: “2001 Odissea nella spazio”. […]

    Pingback di La “fantascienza” | cinemaleo2 | settembre 23, 2015


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: