Cinemaleo’s Blog

Il cinema è la vita a cui sono stati tolti i momenti noiosi (Alfred Hitchcok)

“Camicie Verdi”

1sorriso1

2005: Camicie Verdi di Claudio Lazzaro

E’ uscito tre anni fa, ma rivederlo non fa male… anzi.
Ripubblico la recensione che feci a suo tempo.

Dove sta andando la Lega Nord? Quali sono le radici profonde del movimento politico che, attraverso il voto della devolution, vuole riorganizzare lo Stato italiano su base federale? Lo si può scoprire andando a vedere questo Camicie Verdi di Claudio Lazzaro, ex giornalista al suo debutto come regista e produttore: un film documentario, un viaggio all’interno dei segreti e della xenofobia della Lega Nord.
Con estremo interesse (accompagnati da un ritmo sostenuto, con il pregio di un raro commento fuori campo e l‘intelligenza di far parlare soprattutto le immagini) seguiamo i leader della Lega, specialmente Mario Borghezio, “politico di strada” (il più popolare, il più applaudito ai comizi), presidente dei “Volontari Verdi”, in origine “Camicie Verdi” (secondo il procuratore Guido Papalia una organizzazione paramilitare: da questa accusa dovranno difendersi in ottobre in tribunale).
Fondatore delle Camicie (volute dallo stesso Bossi quando lanciò la sua sfida allo Stato italiano con la dichiarazione di indipendenza della Padania) è il senatore Corinto Marchini che, a distanza di dieci anni, fa clamorose rivelazioni in questo film dell’ex collaboratore de “Il Corriere della Sera” (“Bossi mi chiamò all’una e trenta di notte e mi disse di sparare ai carabinieri, dovevamo essere pronti a finire in galera“. Ma non solo: si era dato l’ordine “di uccidere Borghezio, così da farne un martire da usare nelle piazze”).
Lazzaro ha costituito una società, la Nobu Productions, con l’intento di realizzare documentari a basso costo utilizzando la potenzialità dei nuovi canali distributivi (satellite, dvd, internet). La volontà è di combattere l’informazione negata, di offrire al pubblico ciò che oggi la televisione e tanto cinema addomesticato non sono in grado di dare (e infatti nessuna emittente televisiva, nessuna casa di produzione ha accettato di finanziare il progetto: il film non uscirà nelle sale, ma sarà distribuito il 16 maggio in dvd nelle librerie e – successivamente – nelle edicole).
Camicie Verdi è una dura e precisa condanna degli aspetti violenti della propaganda leghista, del suo demonizzare tutto ciò che sente come diverso e straniero (con toni da crociata e da guerra di religione); ma è anche una presa d’atto del merito della Lega di aver sbloccato il sistema politico italiano e di aver esercitato, all’inizio, una funzione dinamica e utile ponendo sul tappeto veri problemi (la sicurezza dei cittadini, l‘immigrazione clandestina…). Mostra altresì la sua attuale ambiguità: moderata e federalista al Governo e in Parlamento (vediamo ministri leghisti che giurano, con la mano sulla bandiera, davanti a Ciampi), ancora secessionista e verbalmente violenta nelle manifestazioni di piazza (dove il tricolore continua ad essere bruciato). Ed evidenzia lo sconcertante “giro di valzer” dei nostri politici: vien da ridere (per non piangere) ascoltando i giudizi che Berlusconi e Bossi hanno reciprocamente formulato (il primo etichettato come “capo della mafia”, il secondo “inaffidabile e infrequentabile”).
Volutamente non sensazionalistico, con toni asciutti e scarni, Lazzaro non abusa del suo ruolo ed evita l’onnipresenza alla Michael Moore. Il suo è un ritratto oltremodo inquietante e veritiero di un mondo povero culturalmente e civilmente, ritratto che (si spera) molti vorranno vedere.

Pubblicato su Cinema4Stelle

tuttelerecensioni

Sito ufficiale del film

Regia: Claudio Lazzaro
Sceneggiatura: Claudio Lazzaro
Paese: Italia (2005)
Uscita Italia: 16 Maggio 2006

Trama:
Il racconto inizia coi festeggiamenti della Lega Nord per l’approvazione in Parlamento della devolution e continua seguendo Mario Borghezio, che dopo Bossi è il leader più popolare, il più applaudito ai comizi.

marzo 12, 2009 - Posted by | cinema-recensioni | , , , , , , , , , , ,

1 commento »

  1. Hai ragione, andrebbe visto (o rivisto) oggi più che mai vista la memoria corta di noi Italiani

    Commento di gianni87 | agosto 29, 2009


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: